Aleksandr Konstantinovič Voronskij

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search

Aleksandr Konstantinovič Voronskij (1884 – 1937), critico letterario e letterato russo.

  • [ A proposito di Sergej Esenin] Mi fece l'effetto di un ospite casuale, solo e abbandonato, capitato chissà perché in quella città di petrolio, di smog e di polvere, come se non gli importasse nulla di dove rifugiarsi e attraccare. (citato in Watala 1980, p. 346)
  • [ A proposito di Esenin] Quando arrivai lo trovai seduto sul letto, che singhiozzava. Aveva il viso inondato di lacrime e spiegazzava un fazzoletto bagnato. – Non m'è restato nulla. È terribile. Né parenti, né amici. Niente, nessuno da amare. Non mi resta che la poesia. Le ho dato tutto, capisci? Tutto. La chiesa, il villaggio, l'orizzonte, i campi, il bosco. E tutto questo mi ha abbandonato. – Continuò a piangere per più di un'ora. (citato in Watala 1980, p. 346)
  • [A proposito di Esenin] Non notai in lui la minima traccia di posa, anzi aveva una grazia seducente, umile e conquistatrice, dolce e dura al tempo stesso. (citato in Watala 1980, p. 374)

Bibliografia[modifica]

  • Elvira Watala, Wiktor Woroszylski, Vita di Sergej Esenin, traduzione dal polacco di Vera Petrella, Vallecchi Editore Firenze, 1980.

Altri progetti[modifica]