Vai al contenuto

Ana Carolina da Silva

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Carol (2022)

Ana Carolina da Silva, nota semplicemente come Carol (1991 – vivente), pallavolista brasiliana.

Carol racconta il suo primo anno in Italia

volleyballworld.com, 6 dicembre 2023.

  • [«Per Ana Carolina Da Silvia tutto è cominciato guardando le Olimpiadi in televisione con sua mamma»] Prima i maschi della pallavolo, poi le ragazze. Ero entusiasta. Ricordo che a un certo punto mamma ha detto qualcosa come: "Un giorno potresti diventare anche tu una di loro". Nella mia testa qualcosa è scattato e mi son risposta: "Ok, ce la posso fare". Sono una persona che adora trasformare le parole in azione. Ho cercato subito di imparare tanti sport diversi, cominciando dalla pallamano, ma l'ho dovuta mollare perché il contatto fisico non faceva per me. Era troppo aggressivo come gioco e, essendo io molto competitiva, finivo le partite troppo infuriata. Mi ci vuole una rete in mezzo a dividermi dalle avversarie.
  • Non ho mai visto l'altezza come un problema. Semplicemente, questo ha comportato che in palestra io debba essere sempre al mio 100 per 100, sia fisicamente che mentalmente. Tutto ciò che faccio, lo faccio col cuore e con la testa focalizzati. C'è poi un grande aspetto nello sport di squadra che a volte si sottovaluta: la possibilità di compensarsi reciprocamente nelle proprie debolezze e punti di forza. In un team c'è magari chi è più alto e lento, c'è chi è più basso e rapido. Io credo che tutti siamo speciali nel nostro modo di giocare e nelle nostre qualità: in gruppo bisogna supportarsi a vicenda e fare in modo che risaltino.
  • [«Cosa dà a Carol più soddisfazione durante una partita di pallavolo?»] Così di primo impatto ti risponderei il muro. Oppure un contrattacco, dopo una bella difesa, che riesci a trasformare in punto. Invece a pensarci bene probabilmente a regalarmi più soddisfazione è quando la mia squadra compie una rimonta. In una partita si hanno sempre momenti su e momenti giù; alla fine vince chi riesce a superare al meglio, tutte insieme, quelli difficili. Non solo grazie alle compagne in campo ma anche a quelle in panchina che ti danno energia, ti danno feedback. È qualcosa di meraviglioso, quasi magico, che mi fa amare questo sport.

Altri progetti[modifica]