Angelo Caroli

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search

Angelo Caroli (1937 – vivente), ex calciatore, giornalista e scrittore italiano.

Citazioni di Angelo Caroli[modifica]

  • [Riferito all'addio di Pietro Anastasi alla Juventus] [...] improvvisamente l'umiltà scomparve, lo sguardo di Pietruzzo si rabbuiò. Visse momenti tristi, molti lo capirono, altri lo consigliarono male. E venne il giorno del dissenso. Si sfogò [...], vide congiure di palazzo attorno alla sua figura di capitano senza macchia e senza paura. E, frattanto, non riusciva ad offrire alla squadra il rendimento delle stagioni passate. [...] Ci fu la separazione, irrimediabile e logica [...].[1]
  • [Riferito alla Juventus Football Club] Lascio la sede [...] dopo aver respirato per l'ennesima volta l'atmosfera bianconera, piena del fragrante profumo del successo, che è il succo della filosofia del club e che, insieme con lo stile, è il distintivo che la Signora non si toglie mai.[2]

Note[modifica]

  1. Citato in Anastasi, odio e amore, Stampa Sera, 14 gennaio 1977, p. 15.
  2. Da Ho conosciuto la Signora, Graphot, 1987, p. 182.

Altri progetti[modifica]