Vai al contenuto

Assunta Spina (film 1948)

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.

Assunta Spina

Descrizione di questa immagine nella legenda seguente.

Anna Magnani e Aldo Bufi Landi nel film

Titolo originale

Assunta Spina

Lingua originale italiano
Paese Italia
Anno 1948
Genere drammatico
Regia Mario Mattoli
Soggetto Salvatore Di Giacomo
Sceneggiatura Eduardo De Filippo, Gino Capriolo
Interpreti e personaggi

Assunta Spina, film italiano del 1948 con Anna Magnani ed Eduardo De Filippo, regia di Mario Mattoli.

Frasi[modifica]

Citazioni in ordine temporale.

  • Gelosia, signor presidente. Io e Assunta ci vogliamo bene. L'ho sfregiata io, perché Assunta è 'a mia. E quando una cosa è vostra ne potete fare quello che volete. (Michele)
  • Ecco, lo sfregio: che cos'è questo marchio vermiglio se non amore spinto al parossismo? Segno di proprietà prepotente, messaggio sanguinoso di disperato desiderio. (Avvocato difensore)
  • E tu sai che vuol dire "quella là"? Vuol dire "malafemmina". E sai che ci vuole per una malafemmina? Ci vuole un uomo senza scrupoli, che non le dà pace, un uomo che la sfrutta. Ci vuole un uomo che più la vede piangere, più la prende a schiaffi, che più la maltratta e più lei ci si attacca. (Assunta)

Citazioni su Assunta Spina[modifica]

  • È stato giustamente osservato che il cinema italiano ha mancato con Assunta Spina un'ottima occasione. Nonostante il nome della protagonista Anna Magnani e quello non meno importante di Eduardo De Filippo [...] il regista Mattoli ha sacrificato i due bellissimi atti di Salvatore Di Giacomo in un'edizione cinematografica scadente e superficiale [...]. Il dialogo del film in un dialetto napoletano incomprensibile e sovrabbondante è tutt'altro che funzionale. Unica nota interessante del film la presenza di un'attrice del talento di Anna Magnani. (Massimo Mida)

Altri progetti[modifica]