Balthus

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search
Balthus

Balthus, pseudonimo di Balthazar Klossowski de Rola (1908 – 2001), pittore francese.

Memorie[modifica]

Incipit[modifica]

BISOGNA imparare a spiare la luce. Le sue modulazioni, le sue fughe e i suoi passaggi. Fin dal mattino, dopo la prima colazione, dopo la lettura della posta, bisogna informarsi sulle condizioni della luce, apprendendo allora se quel giorno si dipingerà, se ci si addentrerà profondamente nel mistero del quadro. Se la luce dell'atelier sarà buona per mettervi piede.
A Rossinière tutto è rimasto immutato. Come un vero villaggio. Ho trascorso tutta la mia infanzia davanti alle Alpi. Davanti alla massa bruna e funerea degli abeti di Beatenberg, nel biancore immacolato della neve. In fondo, siamo venuti qui per la mia nostalgia della montagna. Rossinière mi aiuta ad avanzare. A dipingere.

Citazioni[modifica]

  • Nutro per l'Italia una tenerezza originaria, fondamentale, innocente. Ma al di là dell'Italia, ciò che amo in essa è la sua capacità di conservare qualcosa dell'unità primitiva, della freschezza delle origini. Sicché posso ritrovare l'Italia anche in un paesaggio cinese, come in esso posso ritrovare le leggi dell'armonia universale che un primitivo senese, per esempio, cercava di rappresentare.
  • Balthus è un pittore di cui non si sa nulla.

Bibliografia[modifica]

  • Balthus, Memorie, a cura di Alain Vircondelet, traduzione di Fabrizio Ascari, Longanesi Editore, 2001

Altri progetti[modifica]