Carlo Maria Maggi

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search
Monumento a Carlo Maria Maggi, Milano

Carlo Maria Maggi (1630 – 1699), scrittore italiano.

I consigli di Meneghino[modifica]

Incipit[modifica]

PERSONAGGI
Donna Quirinzia
Don Lelio figlio di lei
Anselmo
Fabio figlio di Anselmo
Meneghino servo di Fabio
Costanzo cavaliere
Tarlesca serva delle monache
Baltramina recita i Prologhi e gli Intermezzi

PROLOGO PRIMO
Beltramina che scaccia la Comedia
Desmettì st'antigaja, i mé toson
on temp l'heva del bon,
adess l'è on olter fà;
in scambij da fà rid, fé sbadaggià.
On bott ho sentù a dì che da i antigh
fu lodàe pù del giust
de sto commediant i mott saàe,
e digg da vù me paeren sempietàe.
Parchè mò? l'è on gran plaevet,
ma foeù del sò latin no 'l pù quel;
e vù toson, con toccà màe quel flaevet,
a i nost oregg el fé parì on sonell.
E poeù quij passaritt
(falij), quij parassit,
quij s'ciaevv, quij barlafus che van co' i scansc,
adess hin tropp lontan da i nost usanz
e se lesgen domà par eleganz.

Traduzione: Smettete questa anticaglia, o miei ragazzi; un tempo aveva del buono, adesso è un'altra faccenda; invece di far ridere, fate sbadigliare. Ho sentito dire una volta che dagli antichi sono lodati più del giusto i motti salaci di questo commediografo, e detti da voi mi paiono scempiaggini. Perché mai? È un grande Plauto, ma fuori dal suo latino non pare più quello; e voi ragazzi, col sonare male quel flauto, alle nostre orecchie lo fate sembrare uno zufolo. E poi quei passeretti (sbaglio), quei parassiti, quegli schiavi, quei pasticci che si reggono con le grucce, adesso sono troppo lontani dalle nostre usanze e si leggono soltanto come squisitezze.

Citazioni[modifica]

  • Par che l'alma talvolta | dal fisso apprender mali a tal si meni | che per dispetto ancor rifiuti i beni. (p. 55)

[Carlo Maria Maggi, I consigli di Meneghino, a cura di Dante Isella, Giulio Einaudi editore, Torino 1965.]

Bibliografia[modifica]

  • Carlo Maria Maggi, I consigli di Meneghino, a cura di Dante Isella, Giulio Einaudi editore, Torino 1965.

Altri progetti[modifica]