Cesare Maria Ragaglini

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search

Cesare Maria Ragaglini (1953 – vivente), diplomatico italiano, attuale Rappresentante Permanente per l'Italia presso l'ONU.

Citazioni di Cesare Maria Ragaglini[modifica]

  • [Inaugurando la partnership tra l'Onu e l'Inter] È un onore per me poter presentare qui alle Nazioni Unite l'Inter, che per altro è da sempre la mia squadra del cuore. Ma l'onore è dovuto al fatto che dell'Inter racconteremo oggi ciò che di più bello significa il calcio: Inter Campus è un progetto che dura da ben 15 anni e restituisce davvero ai bambini che vivono in condizione di disagio la voglia di sorridere e di poter godere del prezioso diritto di giocare.[1]
Intervista con l'ambasciatore Cesare Ragaglini. Il peso dell'Italia nel futuro dell'Onu, America Oggi, 27 dicembre 2010
  • La pena di morte è stata sempre un cavallo di battaglia dell'Italia alla Nazioni Unite. Nel 2007 siamo arrivati alla moratoria con l'obiettivo, certamente nel tempo, per l'abolizione di questo tipo di condanna. Nel 2007 ci furono 104 voti positivi. Nel 2010 abbiamo raggiunto 109 voti, che conferma quella marcata tendenza che lo stesso segretario generale delle Nazioni Unite aveva sottolineato nel suo rapporto, cioè la membership dell'Onu che in maggioranza va verso la moratoria e quindi verso l'abolizione della pena di morte. Abbiamo migliorato i voti che avevamo raggiunto nella terza commissione un mese fa. Io ho fatto una campagna molto attiva sui miei colleghi, a soli dieci minuti prima del voto sono riuscito ad ottenere ulteriori due voti...
  • [...] Con le tre risoluzioni noi siamo passati da 79 paesi completamente abolizionisti nel 2004, a '95 nel 2008. Questo significa che vi è una specie di moral suasion nei confronti dei paesi membri delle Nazioni Unite, che vedendo questo trend favorevole verso la moratoria, alla fine finiscono per adottare una moratoria di fatto o addirittura ad abolirla de jure. Questo è un risultato estremamente concreto che da la misura di quanto siano importanti anche le risoluzioni dell'Assemblea generale che non hanno un valore vincolante.
  • Alcuni [paesi], pur avendo la pena di morte, non hanno fatto una particolare campagna contro la risoluzione, altri invece sono più convinti assertori di questo tipo di condanna e hanno cercato di ostacolarne la sua approvazione. Abbiamo aumentato di due voti il risultato già avuto in commissione un mese fa, e questo dimostra che i paesi che ritengono che la moratoria sia di fondamentale importanza sono largamente superiori a quelli che si oppongono.

Note[modifica]

  1. Citato in New York: Inter Campus all'auditorium ONU, Inter.it, 28 novembre 2012.

Altri progetti[modifica]