Chanakya

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search
Rappresentazione artistica di Chanakya

Chanakya, detto anche Kautilya o Cānakya (371 a.C. – 283 a.C.), scrittore indiano.

Citazioni di Chanakya[modifica]

  • Gli occhi dei ministri permettono di vedere le debolezze altrui.[1]
  • L'alleato autentico è quello con cui si ha un obiettivo comune, che è soccorrevole e incrollabile, e che nelle circostanze difficili non dà prova di doppiezza.[2]
  • Tutte le cose iniziano con un consiglio.[3]
  • Tutte le divinità si rallegrano, tutti i veggenti cantano, tutti gli antenati danzano, quando un ospite entra nella nostra casa.[4]

Note[modifica]

  1. Citato in AA.VV., Il libro della politica, traduzione di Sonia Sferzi, Gribaudo, 2018, p. 47. ISBN 9788858019429
  2. Da Arthasàstra, libro VII, cap. IX, sec. III a.C.; citato in Guido Ceronetti, Tra pensieri, Adelphi, Milano, 1994, n. 6.
  3. Citato in AA.VV., Il libro della politica, traduzione di Sonia Sferzi, Gribaudo, 2018, p. 46. ISBN 9788858019429
  4. B 7410. Citato in Dizionario delle citazioni, a cura di Italo Sordi, BUR, 1992. ISBN 88-17-14603-X

Altri progetti[modifica]