Chiara Matraini

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search

Chiara Matraini (1515 – 1604), poetessa italiana.

Rime[modifica]

  • Zefiro spira e tremolar d'intorno | fa sopra le fiorite e verdi sponde | i fior, l'erbe e le fronde | d'ogni bel chiaro e limpido ruscello, | e sopra ogn'arboscello ogn'augelletto | di questo in quel boschetto | lieto sen va cantando d'ogni intorno; | il ciel vago et adorno | d'insolito splendore oggi si mostra, | e con lieto soggiorno | di fior l'erbe e le piante ingemma e inostra. (I, vv. 1 – 11; 1975)
  • Per voi m'accendo, in voi sola respiro, | né, se volessi ben, fuggir vorrei | gli ardenti lampi a me sì dolci e rei | che la strada a ben far sempre m'apriro. (VIII, vv. 5–8; 1975)
  • Quant'ho più da lontan l'aspetto vostro, | più lo sento ne l'alma a parte a parte | scolpito e vivo, e 'n ciascheduna parte | insignorirsi del mortal suo chiostro. || Né poggio, sasso, o valle Amor m'ha mostro | fin dove il Serchio arriva o dove parte, | ch'io non vi veda con mirabil arte | scritto il nome ch'adorna il secol nostro. (X, vv. 1–8; 1975)
  • Fera son io di questo ombroso loco, | che vò con la saetta in mezo al core, | fuggendo (lassa) il fin del mio dolore. | E cerco, chi mi strugge, a poco a poco; || e come augel, che fra le penne il foco | si sente acceso, onde volando fuore | dal dolce nido suo mentre l'ardore | fugge, con l'ale più raccende il foco, || tal io, fra queste fronde a l'aura estiva, | con l'ali del desio volando in alto, | cerco 'l foco fuggir, che meco porto. || Ma, quanto vado piu di riva in riva | per fuggire 'l mio mal, con fiero assalto | lunga morte procaccio al viver corto.[1]

Note[modifica]

  1. Da Lettere di Madonna Chiara Matraini, Gentildonna lucchese, con la prima e seconda parte delle sue Rime. Con una Lettera in Difesa delle Lettere, e delle Arme, Nicolò Moretti, Venezia, 1957, p. 46.

Bibliografia[modifica]

  • Chiara Matraini, Rime; in Lirici del Cinquecento, a cura di Luigi Baldacci, Longanesi, 1975.

Altri progetti[modifica]