Christelle Dabos

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search

Christelle Dabos (1980 – vivente), scrittrice francese.

Incipit di alcune opere[modifica]

L'attraversaspecchi. Libro 1. Fidanzati dell'inverno[modifica]

Le vecchie dimore hanno un'anima, si sente spesso dire. Su Anima, l'arca in cui gli oggetti prendono vita, le vecchie dimore avevano più che altro la tendenza a sviluppare un carattere orribile.

L'attraversaspecchi. Libro 2. Gli scomparsi di Chiardiluna[modifica]

Era accecata. Appena arrischiava un'occhiata da sotto l'ombrellino il sole la aggrediva da tutte le parti: scendeva a picco dal cielo, si rifrangeva sul lungomare in legno lucido, faceva luccicare il mare intero e brillare i gioielli di ogni cortigiano. Ofelia ci vedeva tuttavia abbastanza da rendersi conto che al suo fianco non c'erano più né Berenilde né la zia Roseline.

L'attraversaspecchi. Libro 3. La memoria di Babel[modifica]

L'orologio, un'immensa pendola montata su ruote con un bilanciere che batteva energicamente i secondi, veniva avanti a tutta velocità. A Ofelia non capitava tutti i giorni di vedere un mobile di quelle dimensioni precipitarsi su di lei.

Bibliografia[modifica]

  • Christelle Dabos, L'attraversaspecchi. Libro 1. Fidanzati dell'inverno, traduzione di Alberto Bracci Testasecca, edizioni e/o, 2018. ISBN 9788866329817
  • Christelle Dabos, L'attraversaspecchi. Libro 2. Gli scomparsi di Chiardiluna, traduzione di Alberto Bracci Testasecca, edizioni e/o, 2019. ISBN 9788833570693
  • Christelle Dabos, L'attraversaspecchi. Libro 3. La memoria di Babel, traduzione di Alberto Bracci Testasecca, edizioni e/o, 2018. ISBN 9788833571676

Altri progetti[modifica]