Clara Sereni

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search

Clara Sereni (1946 – 2018) è stata una scrittrice, giornalista e traduttrice italiana.

Citazioni di Clara Sereni[modifica]

  • Ebrea per scelta più che per destino, donna non solo per l'anagrafe, esperta di handicap e debolezze come chiunque ne faccia l'esperienza, utopista come chi, radicandosi in quanto esiste qui e oggi, senza esimersi dall'intervenire sulla realtà quotidiana coltiva il bisogno di darsi un respiro e una passione agganciati al domani.[1]
  • I libri hanno un concepimento e una gravidanza. Comprese le nausee, i colpi di sonno, l'ansia per colui o colei che verrà al mondo. Comprese le incertezze per come il mondo accoglierà - o non accoglierà - la nuova creatura.[2]
  • Nella mia vita costruita a tessere mal tagliate, nella mia vita a mosaico (come quella di tutti, e più delle donne) la casalinghitudine è anche un angolino caldo.
    Un angolino da modificare ogni momento, se fosse fisso sarebbe morire, le ricette sono una base per costruire ogni volta sapori nuovi, combinazioni diverse.
    Reinventare unico sconfinamento possibile, reinventare per non rimasticare, reinventare per non mangiarsi il cuore.[3]
  • Scomodi al cuore e alla ragione per quel loro sguardo ancora incapace di mediazione, compromesso, velatura, da ogni angolo della terra e a ogni istante i bambini, i nostri figli ci interrogano - con la loro morte - sulla sopravvivenza della nostra stessa specie: ci chiedono qual è il futuro, il nostro e il loro. Ci chiedono se c'è un futuro, ed è forse questo lo scandalo ultimo, intollerabile, che pagano, così di frequente, con la vita.[1]

Note[modifica]

  1. a b Da Taccuino di un'ultimista.
  2. Da Una gravidanza a rischio, Perugia, settembre 2015, introduzione a Casalinghitudine.
  3. Da Casalinghitudine.

Bibliografia[modifica]

  • Clara Sereni, Casalinghitudine, Giunti, 2015.
  • Clara Sereni, Taccuino di un'ultimista, Feltrinelli, 1998.

Altri progetti[modifica]