Claudio Capéo

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search
Claudio Capéo nel 2016

Claudio Capéo, all'anagrafe Claudio Ruccolo (1985 – vivente), cantante e fisarmonicista francese di origine italiana.

Citazioni di Claudio Capéo[modifica]

  • Da essere un musicista di strada mi sono ritrovato a vendere con tre album oltre un milione di copie: e quindi viaggi, autografi, hotel di lusso... Non ero pronto, non mi sentivo a mio agio. Non immaginavo potesse capitarmi: ho avuto paura. Ma le mie radici mi hanno tenuto stabile.[1]
  • Da tempo volevo riavvicinarmi all'Italia. Mio padre è del Molise, mia madre siciliana. Da ragazzo nella Fiat Tempra di papà, ascoltavamo i classici della musica italiana. Un omaggio mi sembrava dovuto. Avevo paura: non praticavo la lingua da tempo.[1]
  • In Ciao mia bella canto con Gianna Nannini. È un brano scritto da Pacifico, Davide Esposito con me e Gianna. [...] Continuo a rivedere i video delle registrazioni del singolo: quando li ho mostrati ai miei genitori si sono commossi e io ho visto quanto fossero fieri.[1]
  • [Sull'incontro fortuito con un produttore di «The Voice», il talent che lo ha lanciato in Francia] Io non me la sentivo e non mi sentivo neppure un cantante. Ma questa persona insisteva e i miei amici mi convinsero: ho superato le selezioni e alla sfida finale ho perso. Poi il mio album di debutto, Un homme debout, ha venduto 700 mila copie.[1]
  • Mi sono ritrovato a suonare con gruppi folkloristici, afro jazz, in band metal. E ho fatto il dj. Poi con i miei amici d'infanzia abbiamo creato un gruppo: abbiamo suonato ovunque; nei bar, nei pub, alle feste di paese, per strada, in piccoli Festival.[1]

Note[modifica]

  1. a b c d e Citato in Chiara Maffioletti, «Conquisto la Francia con le hit italiane» Capéo, figlio di emigrati: duetto con Gianna Nannini in un disco dedicato alle mie origini, Corriere della Sera, 24 gennaio 2021.

Altri progetti[modifica]