Claudio Chieffo

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search

Claudio Chieffo (1945 – 2007), cantautore italiano.

Citazioni[modifica]

  • Dicevano gli antichi che non c'è nulla di peggio di un popolo che dimentica i suoi poeti; e invece c'è di peggio: un poeta che dimentica il suo popolo. (da Il Timone, n. 23, p. 49)

Canzoni[modifica]

  • Così quando sarai a quell'ultimo ponte, | con il tempo alle spalle e la vita di fronte, | una mano più grande ti solleverà, | abbandonati a quella, non temere perché | c'è Qualcuno con te. (da Favola)
  • È bella la strada per chi cammina, | è bella la strada per chi va, | è bella la strada che porta a casa | e dove ti aspettano già. (da È bella la strada)
  • E cantano felici i marinai | ad ogni porto dove c'è chi sale, | venite, su, venite sulla nave: | guarda com'è sicuro il Capitano... (da La Nave)
  • Figlio preferisco vederti entrare incerto nelle case dei ricchi, | muoverti piano piano quasi in soggezione, | ma non voglio vederti padrone. (da Figlio)
  • Non lasciare che un giorno me ne vada, | dammi sempre la forza di lottare: | è ancora molto lunga questa strada | e ho ancora tanta voglia di cantare... (da Canzone per te)
  • Parsifal, Parsifal non ti fermare | e lascia sempre che sia | la voce unica dell'Ideale | ad indicarti la via. (da Canzone dell'Ideale)
  • Tu non credere mai all'imperatore | anche se il suo nome è società, | anche se si chiama onore, | anche se il suo nome è popolo, | anche se si chiama amore. (da Martino e l'imperatore)

Altri progetti[modifica]