Editors

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search
Editors, 2006

Editors, gruppo musicale britannico.

XL Repubblica, anno V, n. 50
  • Le nostre canzoni sono visioni notturne. [Tom Smith e Chris Urbanowicz a proposito dell'album In this light and in this evening]
  • A noi interessa l'elemento umano e perciò abbiamo cambiato tipo di suono in reazione alla musica, in tempo reale, in sala incisione.
  • Volevamo che le parti elettroniche suonasero calde. Chi ci ascolta deve sentire l'uomo che suona le macchine e non l'opposto. [Tom Smith a proposito della volta elettronica nell'ultimo album]

Citazioni tratte da canzoni[modifica]

An end has a start[modifica]

Etichetta: Kitchenware Records, 2007.

  • Alla fine ciò in cui speri maggiormente è che l'amore provato sia almeno pari al dolore sopportato
In the end, all you can hope for/ is the love you felt to equal the pain you've gone through. (da Bones, n. 4)
  • Di' addio a tutti quelli che conosci da sempre | Non li rivedrai mai più | Non posso scrollarmi di dosso questo sentimento che ho.
Say goodbye to everyone you have ever known | You are not gonna see them ever again | I can't shake this feeling I've got. (da Smokers Outside The Hospital Doors, n. 1)
  • Persino una fine ha un inizio.
Even an end has a start. (da An End Has A Start, n. 2)
  • Come puoi sapere per cosa valga la pena lottare, se non alzi un dito neanche per la cosa più banale?
How can you know what things are worth/ if hands won't move to do a day's work? (da When anger shows, n. 5)
  • Quando arriva il momento | Tu non sei più qui | Cado in ginocchio | Inizia il mio incubo.
When the time comes | You're no longer there | Fall down to my knees | Begin my nightmare. (da The racing rats, n. 6)

Altri progetti[modifica]