Al 2019 le opere di un autore italiano morto prima del 1949 sono di pubblico dominio in Italia. PD

Angiolo Poli

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
(Reindirizzamento da El Roaron)
Jump to navigation Jump to search

Angiolo Poli (1903-1941), contadino-poeta dialettale italiano.

Tera e Vilani[modifica]

El Roaron[modifica]

Vecio Roaron che te si nato in Biolca,
vecio guardian de tuta la me vale,
chi è stà a piantarte là me bel gigante?
Maraveja de Vila,
co' i rami grandi che te pende a ombrela,
te ghè la frasca che la ciapa on campo
e par sbrazarte ghe vol siè vilani.
Vecio Roaron de Biolca
i me paesani tuti,
co' i te minzona pare chi s'ingrassa
e se i te guarda ghe se slarga el core.
Mi, co torno da i campi a seretina
e che i to' rami vedo spuntar fora
fra i salgari e le piope di stradèi,
gigante e paronzon de la me vale,
mi te domando alora:
«qua gh'era la cità de Carpanèa?»
Carpanèa, Carpanèa .....
Me lo disea me Barba
ch'el gera on vecio ch'el savea la storia,
ch'el gera on vecio ch'el gavèa del sale.
Roaron, vardete a torno:
fin che te po' rivarghe,
che ti te vedi campi, che te po' vedar scoli
par tuti quanti i dossi,
par tuti quanti i loghi
che qua se ciama: Peagnon, Venezia Nova,
el Bauco, e Lodeta e la Bepina
e passà via el Misserio
de là del Dugalòn,
fin che te vedi insoma, el me Roaron,
i racolti che cresse come el fumo,
fin là ghe gera tuta Carpanèa.
No' te lo se Roaron? epur l'è vera.
Me lo disea me Barba
che Carpanèa la gera piantà qua
al tempo di Romani.
Ma scolteme, Roaron,
la gera Carpanèa 'na gran cità
e tuta a torno la gavèa i so muri
par salvarse co' sucedea 'na guera,
forti e giganti, come ti, Roaron.

Bibliografia[modifica]

  • Angiolo Poli, Tera e Vilani, 1991.

Altri progetti[modifica]