Al 2019 le opere di un autore italiano morto prima del 1949 sono di pubblico dominio in Italia. PD

Delio Tessa

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
(Reindirizzamento da El bell maghetta)
Jump to navigation Jump to search

Delio Tessa (1886 – 1939), scrittore e poeta italiano.

Incipit di alcune opere[modifica]

L'è el dì di Mort, alegher![modifica]

La pobbia de cà Colonetta[modifica]

L'è creppada la pobbia de cà
Colonetta: tè chì: la tormenta
in sto Luj se Dio voeur l'à incriccada
e crich crach, pataslonfeta-là

Sui scal[modifica]

Ei! ma sì! per fatt piasè
disaroo ona bosinada
ancamò; chè tant, asnada
pu, asnada men, quand gh'è
la salut... già... no se falla,
vera? bravo!... sicché donca...
– trii conchin fan ona conca –
gh'óo de dilla o de cuntalla?

El cavall de bara[modifica]

Andà a torna per Milan
a cert'or, l'è on testament!
car, vicciur, on rabadan
de tramvaj, gent sora gent,
rebuttònen, pesten caj,
«aj! ch'el guarda in dove el va!»
se te gh'ee de traversà,
no te disi, poeu; l'è on guaj!

Primavera[modifica]

Oh che bella giornada!
che ciel de primavera!
che sô de bona cera!
Oh finalment se fiada!

Caporetto 1917[modifica]

Torni da vial Certosa,
torni di Cimiteri
in mezz a on someneri
de cioccatee che vosa,
de baracchee che canta
e che giubbiana in santa
pas con de brasc la tosa.

El gatt del sur Pinin[modifica]

Pensa ed opra, varda e scolta,
tant se viv e tant se impara;
mi, quand nassi on'altra volta,
nassi on gatt de portinara!

La tosa del borgh[modifica]

Luis... a paravia
i rangogn della vita,
scolta sta poesia
noeuva e sitta donca, sitta!

El bell maghetta[modifica]

Roston, Lily,
Rita, Gaby,
pittor de cà,
me sprusna ammì
de pacciugà
cont i peneij!
Quanti cinqu gheij
mi de fioeu
ch'óo traa in pasteij!

La mort della Gussona[modifica]

Al prim vedett, inscì,
te seet on omasciott
discrett, cara el me Rost,
e per la portinara
ti te see «l'omm dispost»...
... ma per mi già quj to man
pienn, quj to rucc
– upp — che te ven
su quand te parlet,
qui bruscon, ah... qui bruscon
su la mattina,
qui dent marsc e qui bugnon...
... ah per mi già l'è patenta!

Ore di città[modifica]

Intanto vi racconto queste e poi vedremo.
La casa è proprio vecchia, vecchia da far spavento.
Anni fa una gelosia l'è crodada e per un pelo non ha tolto di mezzo un inquilino risolvendogli il contratto!
È decrepita, dico, ma bella e non è in piano regolatore. Tiriamo il fiato!
Qualcuno di voi c'è stato di sicuro o prima di guerra o anche dopo quando vi abitava al primo piano un famoso oculista di cui taccio il nome per non metterlo in piazza. La casa è in un vicolo cieco che adesso ha cambiato faccia, a man diritta di corso Roma, poi a sinistra in fond al streccion.

Bibliografia[modifica]

Altri progetti[modifica]