Elia Viviani

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search
Elia Viviani (2015)

Elia Viviani (1989 – vivente), ciclista italiano.

Citazioni di Elia Viviani[modifica]

TriangleArrow-Right.svg Citazioni in ordine temporale.

  • A Genova nel 2015, quando al debutto con Sky vinsi la mia prima tappa al Giro, ero un corridore più giovane e spensierato, tutto ciò che arrivava era tanto di guadagnato. Oggi sul podio di Tel Aviv ho sentito la responsabilità della nuova squadra che mi ruota attorno, che si organizza in base a come mi organizzo, che mi chiede di essere un campione.[1]

La mia volata per la strada giusta

Intervista di Marisa Poli, SportWeek, nº 19 (936), 11 maggio 2019, pp. 44-48

  • [«Velocista vuol dire follia?»] Una vena di follia aiuta. Ci sono attimi, nelle volate, in cui devi chiudere gli occhi: adrenalina pura.
  • [«Com'è che hai scelto la bici?»] Fino ai dodici, tredici anni ho anche giocato a calcio. Ero portiere. Alla fine ho scelto la bici perché mi dava più soddisfazioni: alla domenica facevo la mia garetta e tornavo con il trofeo. In porta non hai lo sfogo del gol.
  • [«(Ciclismo su) strada o pista?»] Il cuore è per la pista, il mestiere è sulla strada.

Note[modifica]

  1. Citato in Gaia Piccardi, La nuova faccia di Viviani Jet, Corriere della Sera, 6 maggio 2018, p. 38.

Altri progetti[modifica]