Elisa Biagini

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search

Elisa Biagini (1970 – vivente), poetessa e traduttrice italiana.

Elisa Biagini

Nel bosco[modifica]

Incipit[modifica]

(per P.C.,
suicida nel I° mese
dopo il mio concepimento)

«La mano piena d'ore»

1. In quel volo
il tuo palmo

mi si è impresso
sul capo, gli ha dato

questa forma
venata di buio.

2. Nella notte
che comincia
col mattino
ho spinto per
due ali o
due pinne,
soffiato in dentro
a riscaldare il
cuore: gli
occhi rotolati
nello scarico
t'incontrano
in quell'acqua
più nera
d'ogni inchiostro.

Citazioni[modifica]

  • il buio secca | le gocce al tuo | respiro: || tutto il tondo del | mondo è qui | nel letto, quel | piatto di | parole evaporate. (da Cappuccio rosso, p. 14)
  • cucitura | di spillo che | non tiene, | come un appunto, | come di | ferita | sbadata | (un sasso, un | ramo, un | rovo). (da Cappuccio rosso, p. 22)
  • (ciò che voglio di | te è il rumore, || quella parte | incontrollata di | messaggio, | lettera | che io posso | combinare oppure || macchie di suono | come Rorscharch). (da La sorpresa nell'uovo, p, 45)
  • succhio il vetro per meglio | vedere, perché la lingua | sia ascia nel fondo del bosco: | mi mangio la mia strada | via di qui. (da Gretel o del perdersi, p. 116)

Explicit[modifica]

che cosa cerco andando
in tondo e ancora
in tondo? la terra è fino
al cuore, i nervi
attorcigliati
alle forchette dei
capelli.

Bibliografia[modifica]

Altri progetti[modifica]