Elisabeth Waters

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search

Elisabeth Waters (1952 — vivente), scrittrice statunitense.

Incipit di alcune opere[modifica]

Il compagno di giochi[modifica]

Il guaio di lavorare in una Torre, pensò afflitto Damon Ridenow, è che ci sono cose che è impossibile mantenere segrete; e il nostro "spiritello" residente appartiene senza ombra di dubbio a quella categoria. Per fortuna il cerchio aveva terminato il lavoro notturno prima che la piccola Hilary Castamir, il nuovo tecnico di dieci anni, esprimesse ad alta voce il desiderio di mangiare della frutta secca. Non che si trattasse di una richiesta irragionevole: era anzi abitudine mangiare qualcosa di dolce dopo il durissimo lavoro con la matrice... quello che non era affatto consueto era che una barra di frutta secca si materializzasse all'improvviso sulla tavola sotto gli occhi di sei esterrefatti leroni.

Il giovane Ardais[modifica]

Seduta tranquilla nella guardiola di Nevarsin sotto lo sguardo arcigno del custode, Linnea n'ha Marilla si chiese se il monaco detestava solo le Rinunciate o tutte le donne in genere.
Mentre aspettava, augurandosi che l'Abate avesse già ricevuto il messaggio che gli aveva portato con così tanta premura da Ardais, il sole si era notevolmente spostato verso ovest.

La rinascita[modifica]

Uggiolando, Ann'dra si risvegliò dal suo incubo e girò lo sguardo per il canile fiocamente rischiarato da due delle quattro lune. Tutti gli altri cani attorno a lui continuavano a dormire, ma avevano il vantaggio di essere nati cani, mentre lui, fino a un mese prima, era un essere umano, segretario del lord di una terra vicina. Era stato catturato da Dom Felix, signore di quel castello, e torturato per costringerlo a rivelare le informazioni che stava copiando. Piuttosto che cedere sotto tortura, aveva abbandonato il suo corpo, e sapendo che Dom Felix sarebbe riuscito a trovarlo nel Supramondo, si era nascosto nel corpo del suo cane che era stato catturato con lui.

Un incontro di menti[modifica]

Mio caro padre, il matrimonio tra Cassilda e Edric Ridenow è avvenutoieri, e quindi Cassilda è ora la Dama di Serrais. Mi sembra così strano: per me è ancora la mia sorella maggiore. È un vero peccato che né tu né la mamma siate potuti venire al matrimonio, ma Coryn ha fatto le tue veci in modo egregio, e Donald e io siamo rimasti vicino a Cassilda per aiutarla e incoraggiarla. Era davvero agitata prima della cerimonia, ma questa mattina aveva l'aria felice.

Bibliografia[modifica]

  • Elisabeth Waters, Il compagno di giochi, traduzione di M. Cristina Pietri, in "I signori di Darkover", TEADue, 2006. ISBN 9788850209668
  • Elisabeth Waters, Il giovane Ardais, traduzione di Giampiero Roversi, e Un incontro di menti, traduzione di Rosanna Petino, in "Darkover e l'Impero", TEADue, 2006. ISBN 9788850209675
  • Elisabeth Waters, La rinascita, traduzione di M. Cristina Pietri, in "I cento regni di Darkover", Ed. Nord, 1993.

Altri progetti[modifica]