Ernesto Olivero

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search
Giorgio Napolitano con Sergio Chiamparino, Ernesto Olivero e Mino Giachino in occasione dell'incontro con un gruppo di Giovani dell'Arsenale della Pace

Ernesto Olivero (1940 – vivente), scrittore italiano e fondatore del Servizio Missionario Giovani.

Citazioni di Ernesto Olivero[modifica]

  • Mi telefona don Tony, un mio amico sacerdote di Alba, e mi dice: «Ernesto, se ci fai trovare i mattoni noi sabato e domenica veniamo con dieci muratori e tiriamo su tutti i muri che vuoi». Io non avevo un solo mattone, ma dico: «I mattoni li ho: venite pure!».
    [...] Al martedì sera lancio un appello nella preghiera: «Amici miei: abbiamo bisogno di 50.000 mattoni. Qualcuno di voi può aiutarci?». Durante la notte sogno mattoni dappertutto.
    Quando mi sveglio, vado a lavorare al San Paolo di via Monte di Pietà e alle prime cinque persone che incontro dico: «Guardi, avrei bisogno di 10.000 mattoni. Può farmeli avere in Piazza Borgo Dora 61?».
    Nel giro di poche ore arrivano 50.000 mattoni.
    [...] Un sabato e una domenica: 10 muratori, 120 ragazzi, 50.000 mattoni e i muri dell'Arsenale che crescono rapidamente, sotto gli occhi incuriositi di una piccola folla che si è radunata per assistere a quello spettacolo inconsueto. (da Dio non guarda l'orologio, Mondadori, pag. 80-81)
L'inizio? Una commozione a cui dissi sì, di Paolo Mattei in 30Giorni, febbraio 2004.
  • Le cose che abbiamo potuto fare in questi anni sono come l'impasto dei rapporti di amicizia con tutte le persone che abbiamo conosciuto e amato.
  • L'inizio di ogni bella e grande avventura, come è quella del Sermig, penso sia sempre segnato da una commozione alla quale si dice "sì".
  • L'incontro più importante per la mia vita è stato quello con Gesù. È a lui che si dice sì all'inizio e durante tutta l'avventura.
  • Una delle grandi fortune dell'essere cristiani sta anche in questa libertà di dialogo e di rapporto con tutti.
  • La bellezza e la grandezza di Madre Teresa stavano nella sua semplicità. Il mio cuore in quel momento mi disse: se tutto questo lo fa lei, lo posso fare anch'io, perché in lei vedevo la normalità, la semplicità disarmata di una donna cristiana.
  • Il mio grande dolore è constatare che i giovani sono realmente i più poveri e i meno conosciuti.
  • I mass media confezionati dagli adulti raccontano solo di ragazzine che sgomitano per diventare "veline", di adolescenti disadattati che non sanno superare i loro fallimenti esistenziali o di frotte di teenager attratti solo da godimenti effimeri e alienanti. Le nuove generazioni cercano in realtà due cose semplici, eppure difficilissime da trovare: l'umiltà e la verità.
  • I cristiani vivono la pace del cuore. Chi vive la pace del cuore vive un'inquietudine positiva.
La lezione di Ernesto Olivero, di Stefano Dadamo in Varesenews, 23 febbraio 2008.
  • Pregare molte ore al giorno per restare umili, non prendere decisioni importanti senza il sì o il no di un uomo di Dio, farsi dominare dal pensiero dei giovani, non saltare mai sul carro di nessun vincitore, essere sempre idealmente all'opposizione.
  • Dio è vivo, anche quando tutti dicessero che è morto.
  • [I giovani sono] i più feriti oggi, non possono essere futuro se non sono il presente e vivono di cattivi esempi. Bisogna farli parlare liberamente. Io li amo, per questo gliene dico tante.
  • Basterebbe un pugno di giovani buoni per rivoluzionare la chiesa e il mondo.
  • Le croci si portano, la verità alla fine viene a galla, anche senza conferenze stampa.
Non c'è pace senza difesa della vita, di Antonio Gaspari in Zenit, 7 ottobre 2008.
  • Quando, tanti anni fa, una ragazza mi ha confidato di voler abortire, perché sola, senza lavoro, senza casa, mi sono interrogato e mi sono detto: se credo nel valore della vita, non posso limitarmi ad indicarle la strada, devo starle vicino nei suoi problemi concreti.
  • Ci sarà pace quando la vita dell'uomo sarà rispettata, accolta, amata sempre, dal concepimento alla morte, sempre con il medesimo amore, e in ogni parte del mondo.
  • Oggi per andare avanti dobbiamo aver il coraggio di tornare indietro. Dobbiamo tutti avere il coraggio di fare un passo indietro nei nostri diritti acquisiti e pensare che per offrire a tutti le medesime opportunità di vita, forse dobbiamo accontentarci tutti di avere di meno.
  • Se avessimo a cuore le donne, se le amassimo veramente, le aiuteremmo a capire che l'aborto crea una ferita che non si rimargina più; le aiuteremmo a non arrivare ad un atto di così grande crudezza.
  • Dobbiamo lavorare perché ogni persona abbia le opportunità per vivere una vita piena di dignità, in ogni fase della vita. Non si può pensare che la vita non sia vita o chiederle di morire prima di essere vissuta.

Altri progetti[modifica]