Ernst-Wolfgang Böckenförde

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search
Ernst-Wolfgang Böckenförde

Ernst-Wolfgang Böckenförde (1930 – 2019), filosofo, giurista e saggista tedesco.

  • Ma è possibile fondare e conservare l'eticità in maniera tutta terrena, secolare? Fondare lo Stato su una «morale naturale»? E se ciò non fosse possibile, lo Stato potrebbe vivere sulla sola base della soddisfazione delle aspettative eudemonistiche dei suoi cittadini? tutte queste domande ci riportano a una domana più profonda, di principio: fino a che punto i popoli riuniti in Stati possono vivere sulla base della sola garanzia della libertà, senza avere cioè un legame unificante che preceda tale libertà? [...] Lo Stato liberale secolarizzato vive di presupposti che esso stesso non può grantire. Questo è il grande rischio che si è assunto per amore della libertà. (da La formazione dello Stato come processo di secolarizzazione; citato in Gustavo Zagrebelsky, Contro l'etica della verità, Edizioni Laterza, Bari, 2008, p. 10 sg.)
  • Lo stato liberale secolarizzato si fonda su presupposti che esso stesso non è in grado di garantire. Questo è il grande rischio che si è assunto per amore della libertà. Da una parte, esso può esistere come stato liberale solo se la libertà che garantisce ai suoi cittadini è disciplinata dall'interno, vale a dire a partire dalla sostanza morale del singolo individuo e dall'omogeneità della società. D'altro canto, se lo Stato cerca di garantire da sé queste forze regolatrici interne attraverso i mezzi della coercizione giuridica e del comando autoritativo, esso rinuncia alla propria liberalità e ricade – su un piano secolarizzato – in quella stessa istanza di totalità da cui si era tolto con le guerre civili confessionali. (da Staat, Gesellschaft, Freiheit, Francoforte sul Meno, Suhrkamp, 1976, p. 60)

Altri progetti[modifica]