Ferdinando I de' Medici

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Al 2014, le opere di un autore italiano morto prima del 1944 sono di pubblico dominio in Italia PD
Ferdinando I de' Medici

Ferdinando I de' Medici (1549 – 1609), Granduca di Toscana.

Incipit di Prohibitione di fonder o' diminuire monete ducali d'argento[modifica]

Il Sereniss. Gran Duca di Toscana, e per S. A. S. li molto Magnifici, e Clarissimi SS. Luogotenente, e Consiglieri suoi nella Rep. Fiorentina, Considerando la gran quantitá di moneta d'Argento, che da poco tempo in qua si è battuta in questa Zecca, e la grande scarsitá di essa, che di presente si trova in questa Cittá di Firenze, e in quella di Siena, e nel resto delli stati di S. Al. e dubitando, che in fra l'altre cause ció proceda, perche molti, non sapendo la gravitá del delitto, e della pena impostali dalle leggi, e ordini, si mettino à fonder monete, per far lor lavori, e spenghino per tal via gran' quantitá di esse, in grave danno dell'universale, e dell'Arti della Lana, e Seta particularmente che havendo difficultá di danari, non possono lavorar gagliardamente, coma richiede il bisogno della Città, e de poveri, e con perdere, e mandar male la spesa, che ci vá in fabricar dette monete, e etiam con ingiuria del Principe stesso, del quale portano l'impronta.

Bibliografia[modifica]

  • Ferdinando I de' Medici, Prohibitione di fonder o' diminuire monete ducali d'argento, Christofano Marescotti, Firenze, 1606.

Altri progetti[modifica]