Franco Cordova

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search
Franco Cordova (1974)

Franco Cordova (1944 – vivente), ex calciatore italiano.

Citazioni di Franco Cordova[modifica]

  • [Sul passaggio, da capitano della Roma, ai rivali della Lazio nel 1976.] Il presidente Anzalone mi aveva venduto al Verona [...]. Io non volevo spostare la famiglia, così per ripicca pretesi la cessione alla Lazio. Alla prima partita con loro non volevo neanche mettere la maglia, me la buttarono sulle spalle mentre uscivo dal tunnel degli spogliatoi, per ultimo. Al primo derby, in casa della Roma, il mio ex compagno De Sisti mi disse che nel coro dei tifosi che cantavano l'inno del club c'era anche la mia voce. Ma per tutta la durata della mia permanenza alla Lazio, alle partite giocate all'Olimpico venivano i tifosi della Roma in incognito, apposta per vedermi. Lo so perché, dopo, li trovavo fuori dallo stadio a salutarmi.[1]

Note[modifica]

  1. Citato in Fabrizio Salvio, Li avevamo tanto amati, Sportweek, nº 26 (943), 29 giugno 2019, pp. 34-37.

Altri progetti[modifica]