Al 2019 le opere di un autore italiano morto prima del 1949 sono di pubblico dominio in Italia. PD

Gavino Pes

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search

Gavino Pes (1724 – 1795), presbitero e poeta italiano.

Incipit di alcune opere[modifica]

Dimmi cun sinzeritai[modifica]

Dimmi cun sinzeritài
comu stocu in lu to' cori.
È veru chi m'hai amori
O no m'hai amau mai?

Lu pintimentu[modifica]

Tantu tempu era muta
La mè poara musa, e ogji è molta:
Da lu chjiodu è caduta
La mè cetara, e l'hagjiu in pezzi accolta;
Lu mè lauru è siccu,
Chi 'n lu mè fronti fesi calchi spiccu.

Lu tempu[modifica]

Palchì no torri, dì, tempu passatu?
Palchì no torri, dì, tempu paldutu?
Torra alta volta, torra a fatti méu,
Tempu impultanti, tempu priziosu,
Tempu, chi vali tantu cant'è Deu,
Par un cori ben fattu e viltuósu.

Bibliografia[modifica]

  • Gavino Pes, Dimmi cun sinzeritai, in "Don Baignu, tutti li canzoni", a cura di Giulio Cossu, Edizioni della Torre, Cagliari, 1984.
  • Gavino Pes, Lu pintimentu, in "Canti popolari della Sardegna", A. Timon, Tipografia Timon, Cagliari, 1833.
  • Gavino Pes, Lu tempu, in A. Timon, "Canti popolari della Sardegna", Tipografia Timon, Cagliari, 1833.
  • Gavino Pes, Lu tempu, in Pasquale Tola, "Dizionario biografico degli uomini illustri di Sardegna", 1838
  • Gavino Pes, Lu tempu, in R. Carta Raspi, "Gavino Pes, Le più belle poesie", 1920 circa.
  • Gavino Pes, Lu tempu, in "Il meglio della grande poesia in lingua sarda", Edizioni della Torre, Cagliari, 1984

Altri progetti[modifica]