Gazzelle (cantante)

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search
Gazzelle

Gazzelle, nome d'arte di Flavio Bruno Pardini (1989 – vivente), cantautore e compositore italiano.

Citazioni tratte da canzoni[modifica]

Superbattito[modifica]

Etichetta: Maciste Dischi, 2017

  • E che ne sanno gli altri | di quando tornavamo tardi, pieni di graffi | che ne sanno gli altri | di quando ridevamo come matti | e che ne sanno gli altri | degli occhi nostri mescolarsi e diventare gialli (da Non sei tu, n.1)
  • Mi ricorderò di giorni pallidi | quando pioveranno lunedì (da Quella te, n.2)
  • Quella te | che mi sconvolge ancora il sabato mattina | con la felpa sporca della sera prima | che diluvia, ma cammina, cammina (da Quella te, n.2)
  • Te lo ricordi lo zucchero filato? | Gli amici, la piazza, il gelato | la notte che brucia, la roba che brucia | le mani, la sete che graffia la gola | l'aurora che arriva minacciosa (da Zucchero filato, n.3)
  • Voglio buttarmi giù dal superattico | di Maggie, cielo rosa superbattito | e poi riunire tutti i pezzi con la polaroid di Marco | La luna gela la mia faccia, ghiaccierò | persone miste nella stanza, meltinpot | mi perderò negli occhi tuoi | due volte al giorno come sport (da Meltinpot, n.4)
  • La verità è che sei solo un inganno della mia testa | E allora com'è, com'è, com'è | che non ci siamo ancora detti ciao? | Come distruggi le foto, dandogli fuoco, dandoci fuoco? (da Meltinpot, n.4)
  • Però da lunedì cambierà, me lo sento, sì | da lunedì crollerà pure il pavimento | Ti porterò sopra la mia schiena | sopra una montagna, sopra un'altalena | con la luna piena, con la pancia piena | come una balena, come una balena (da Balena, n.5)
  • Ma da dentro il bar | il cielo è grande solo la metà | Ma da dentro il bar | il cielo è bello solo la metà (da Démodé, n.6)
  • Non ho più paura dell'aereo | ma non volo più | E tuo padre che mi parla di quand'era giovane | mi fa stare giù, che non esce più (da Démodé, n.6)
  • Non mi ricordi più il mare | se penso a te ora vedo un centro commerciale | o lo scorso Natale, a cena dai tuoi | a guardare le foto dell'estate (da Nmrpm, n.7)
  • Non mi ricordi più il mare | se penso a te ora vedo un albero che cade | o le scorse serate | a uscire coi tuoi amici del mare (da Nmrpm, n.7)
  • Greta non innamorarti mai | delle cose troppo vere, vere | Dimmi un sacco di bugie | e io ti dirò le mie | e io ti dirò le mie | Abbiamo perso troppo tempo | ad occupare il tempo (da Greta, n.8)

Megasuperbattito[modifica]

Etichetta: Maciste Dischi/Artist First/Sony, 2018

  • Mentre guardi fuori dal finestrino | passa un bambino con la palla | che ha gli occhi neri di malinconia | che poi è la stessa mia, che poi è la stessa mia (da Sayonara, n.9)
  • Non mi va più di scriverti | un'altra stupida canzone | Non mi va più di fare l'amore | E allora sayonara, in questa notte amara | mi perderò nei borderò | ci scriverò il tuo nome in blu | poi scappo in tour (da Sayonara, n.9)
  • Ho rovinato qualunque cosa | negli ultimi sette mesi | a parte i tuoi baci rubati la notte che restano appesi | ma rimaniamo comunque accesi | nonostante i tuoi sogni lesi | come lampioni, le stelle filanti, due ombre cinesi | e tutti i guai non li avevo compresi (da Stelle filanti, n.10)
  • E la notte si prende quello che vuole | e non lascia quasi niente | È che siamo persone sole | perdute tra la gente | Poi mi sveglio di notte con gli incubi in testa | e una valigia già piena da un anno che mi detesta | E non crescono i fiori, è vero, dove cammino io | ma nemmeno è tutto nero (da Nero, n.11)
  • E quindi cin cin | mentre affogo nel Jim Beam | e tu domani parti per Medellín | con uno stronzo, un pezzo di fango | io piango, ora io piango (da Meglio così, n.12)
  • Che noia era la primavera | ma prima di lei niente c'era | e adesso brucio come una candela | e ho una pessima, pessima cera (da Martelli, n.13)
  • Sei come sei | ma non sei come vorrei | io e lei eravamo più belli | Quello che ti do non è quello che dovrei | ma che vuoi, i giorni sembrano martelli | Oggi mi sparo in testa, mi sparo in testa, mi sparo in testa (da Martelli, n.13)
  • Voglio solo stare bene, voglio solo stare bene | ritrovare il mio colore, ritrovare il mio colore (da Martelli, n.13)

Punk[modifica]

Etichetta: Maciste Dischi/Artist First, 2018

  • Stavi male pure prima | pure prima dell'estate | Con la testa sotto al mare | e la sabbia sulle dita | Come mai, come mai | non ti sporchi più di sale? | Come mai, come mai | non sei più sparita? (da Smpm, n.1)
  • Tu sapevi un po' di punk | di torta al cioccolato | di fiore calpestato (da Punk, n.2)
  • Preso male che non c'è | più nessuno come te | e piangi sul cuscino | tutte quante le mie lacrime | e bevo come un ragazzino | quando bevo senza te | quando faccio schifo | quando faccio schifo come te (da Punk, n.2)
  • In fondo sotto, sotto, sotto sto bene | sotto, sotto, sotto sto bene | E in fondo sotto, sotto, sotto stai bene | in fondo sotto, sotto, sotto stai bene pure te | E poi, e poi, e poi | ci ritroveremo ancora | E poi, e poi, e poi | come quando mi stai sopra (da Sopra, n.3)
  • È quasi sera | e mi fumo un'altra sigaretta | E mi sento solo | come una goccia fuori la finestra (da Tutta la vita, n.4)
  • Ma abbiamo tutta la vita davanti | sì, davanti a un bar | Mentre la notte ci mangia la pelle, fermiamola | Spegnete i colori, i tormenti, i dolori | gli ombrelli e i malumori | che noi, che noi stiamo bene anche soli (da Tutta la vita, n.4)
  • E superemo le notti | a forza di sciroppi | e contro la nostalgia | mangeremo una torta di mele | E ci arriveremo tardi | a tutti i nostri sbatti | e ci arriveremo stanchi | ai nostri primi trent'anni (da Sbatti, n.5)
  • E io sto ancora collaudando | un piano per non starti accanto | mentre la vita mi scombussola | ogni punto fermo, ogni punto saldo (da Sbatti, n.5)
  • Non c'è niente di male | se non ti va più di uscire la sera | se non ti va più di uscire la sera | se non ti va più di uscire la sera | di uscire la sera, di uscire da sola | con gli occhi di cera | e avere la pioggia dentro la pancia e le scarpe di tela (Non c'è niente, n.6)
  • Oh my God | vorrei volare via lontano | dormire dentro la tua mano | Oh my God | e dare fuoco al tuo divano | e farlo dentro un carro armato (da OMG, n.7)
  • Ti ricordi di me? | Abbiamo fatto scintille | Io mi ricordo, lo sai | Pensavo fosse amore | e invece erano guai (da Scintille, n.8)
  • Ma in fin dei conti sto bene | e puoi dormire tranquilla | che non mi taglio le vene | che non parto per l'India | anche se ho gli occhi perduti | in mezzo alla giungla | con gli alberi neri | e il cielo che urla (da Scintille, n.8)
  • Coprimi le spalle, che fuori si gela | e che la notte non copre gli sbagli, ma gli dà tregua | e che ho scoperto che le cose belle appassiscono | e che i sogni dentro ai cassetti marciscono | e che la gente non crede mai troppo | e le parole trovano il tempo che possono | che non puoi morire due volte di seguito | e che se fuori piove, io dentro nevico (da Coprimi le spalle, n.9)

Altri progetti[modifica]

Opere[modifica]