Gertrud von Le Fort

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search

Gertrud von Le Fort (1876 – 1971), scrittrice, poetessa e saggista tedesca.

Colei che fu bandita[modifica]

Incipit[modifica]

Io non l'ho vista mai, in tutte le volte che da giovane venivo in visita a Golzow, e nemmeno ho parlato mai a nessuno che potesse dire di averla vista, sebbene sapessi che nel villaggio vi era chi pretendeva che l'aveva veduta. Tuttavia il popolo, a cui capitano tali visioni, ha una profonda riluttanza a parlarne; fu solo molti anni dopo che aprì bocca, ma questo appartiene alla fine della nostra storia, non al principio.

Citazioni[modifica]

  • Non aver casa deve essere una cosa orribile, la cosa più orribile che ci sia. (p. 18)
  • Che cos'è un nemico vinto? Un nemico vinto può ritornare; quel che conta è ammazzarlo! (p. 31)
  • Dio è una fonte perenne; nessuno la può prosciugare. (p. 142)
  • Chi muore nell'amore, si deve seppellire in Dio. (p. 195)

Bibliografia[modifica]

  • Gertrud von Le Fort, Colei che fu bandita (Geloeschte Kerzen), traduzione di Enzo Jemma, Edizioni Paoline, Vicenza 1965.

Altri progetti[modifica]