Giorgio Bettinelli

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search

Giorgio Bettinelli (1955 − 2008), giornalista, scrittore e viaggiatore italiano.

Brum Brum[modifica]

Incipit[modifica]

Dopo il viaggio da Roma a Saigon, andare in giro per il mondo con uno scooter era diventata la mia professione, anche se l'atteggiamento naif e per certi versi goliardico che ormai mi riconoscevo come fattore cromosomico non si era modificato di una virgola nel frattempo, e continuava a farmi riempire lo zaino di libri, musicassette e cd, e lasciare a casa regolarmente una torcia o un coltellino multiuso; continuava per scaramanzia, a non corredarmi di alcun kit medico se non una scatola di aspirine effervescenti e una manciata di preservativi che avrei potuto trovare dovunque, ma in compenso mi faceva trasportare in lungo e in largo una scacchiera d'alabastro comprata in Indonesia qualche anno prima, una chitarra di dimensioni naturali affrancata al portapacchi posteriore in equilibrio precario e un personal computer con due speaker multimediali, per passare di continente in continente con la stessa adesione mentale e lo stesso equipaggiamento che si potrebbe avere quando si affronta un fine settimana all'isola del Giglio.

Citazioni[modifica]

  • Qualcuno riesce a fare di più, qualche altro di meno; e c'è chi prende un aereo e va nei lebbrosari di Calcutta, e c'è chi si trova a entrare nel foyer di Los Escudos e prende una camera e una birra gelata. L'importante, credo, sia non fingere; giocare la partita con le carte che si hanno in mano cercando di essere più buena gente che hijo de puta, sentendosi più vicini alla nobiltà di chi ha perso che all'arroganza di chi ha vinto, e più lontani dalla meschinità di chi ha perso che dalla generosità di chi ha vinto. (p. 215)
  • La cosa bella delle cose brutte è che prima o poi cominciano a finire; e se è vero che al cuor non si comanda, è anche vero che si può fare a meno di obbedirgli. (p. 324)

Bibliografia[modifica]

Altri progetti[modifica]