Giorgio Calcaterra

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search

Giorgio Calcaterra (1972 – vivente), atleta italiano.

Citazioni di Giorgio Calcaterra[modifica]

  • [Alla domanda: Come si fa a correre per 100 Km?] Ci vuole sicuramente tanta testa, quella è la prima cosa, non bisogna lasciarsi prendere dalla paura.[1]
  • Fagocitato dagli eventi della mia vita non sto scrivendo quasi più. D'altra parte ultimamente ho ripreso a guidare il mio taxi, ma non ho lasciato il lavoro nel mio negozio, quindi il tempo che mi rimane è veramente poco… Questa non è una bella cosa! Anni addietro il soprannome che mi avevano dato le riviste e i giornali era lo staconovista… e in effetti sia nella corsa che nel lavoro qualche volta lo sono.[2]
  • Il bello della corsa è che, insomma, puoi correre dove vuoi, come vuoi.[1]
  • La sera prima [della Maratona di Roma del 2015, corsa due volte] ho mangiato i miei 120 grammi di pasta per fare il carico di carboidrati, la benzina del maratoneta. Ieri ho fatto una colazione minima con 4 fette biscottate. E poi ho mangiato dei carbogel durante la gara e il pezzo di crostata che mi hanno dato al controllo antidoping. Il fisico si abitua a risparmiare. Faccio un'alimentazione normale. Da qualche anno sono vegetariano.[3]
  • Sono qui a Borgo San Lorenzo perché hanno voluto conferirmi un premio. Hanno istituito una carta, una carta etica dello sport, e come atleta che si avvicina di più a questi valori mi hanno voluto premiare. [...] Si parla appunto dello sport pulito, leale, dello sport che fa bene alla salute, che deve essere visto come un gioco, come un divertimento, cose che ho sempre detto anch'io e quindi sono particolarmente contento di aver ricevuto questa targa.[4]

Citazioni su Giorgio Calcaterra[modifica]

  • Cosa vuol dire fare 6 ore e 23 sui 100 km? In pratica correre 2 maratone e mezza sul piede di 38 minuti e 20 secondi per ogni 10.000 metri, cioè alla media di 3 minuti e 50 secondi al km. Provare per credere. Più che la velocità occorre soprattutto essere molto forti di testa e saper distribuire al meglio le proprie energie. Sotto questo punto di vista Calcaterra è un super, uno che in gara non delude mai e non perde mai la calma. (Giorgio Rondelli)
  • Giorgio Calcaterra, 41 anni, 'taxi driver' a Roma, ha vinto la '100 Km del Passatore', giunta alla 41/a edizione, con il tempo di 6h39'59'', e ha conquistato anche quest'anno il titolo italiano assegnato dalla Fidal per la 14/a volta alla 'Firenze-Faenza'. Calcaterra ha fatto suo il 'Passatore' per l'ottava volta consecutiva.[5]
  • Giorgio Calcaterra non smette di stupire. Il tassista volante, tesserato per la Running Club Futura, è ancora una volta l'atleta più forte del mondo nella 100 chilometri. L'atleta romano si è imposto oggi a Seregno nella gara sulla distanza massima valevole come Campionato del Mondo e Campionato Europeo. 6h23:20 il crono vincente del 40enne maratoneta che ha così collezionato il terzo titolo iridato in carriera dopo quelli di Tarquinia 2008 e di Winschoten 2011.[6]

Note[modifica]

  1. a b Dall'intervista di Elisabetta Mazzeo per ReteSole, Vite da campione, 18 aprile 2013; visibile su YouTube.
  2. Dal sito personale, 28 dicembre 2012.
  3. Dall'intervista di Riccardo Barlaam «Così ho corso 2 maratone in un giorno», l'intervista a Giorgio Calcaterra, runner vegetariano, ilsole24ore.com, 23 marzo 2015.
  4. Dall'intervista di RunnerTV, 21 settembre 2012; visibile su YouTube.
  5. Da Giorgio Calcaterra "Taxy driver" vince la 100 Km del Passatore, ilsitodifirenze.it, 26 maggio 2013.
  6. Da Giorgio Calcaterra è ancora Campione del Mondo sulla 100 chilometri , fidallazio.org, 22 aprile 2012.

Altri progetti[modifica]