Al 2019 le opere di un autore italiano morto prima del 1949 sono di pubblico dominio in Italia. PD

Giovanni Marchetti

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search

Giovanni Marchetti (1790 – 1852), poeta e politico italiano.

Incipit di alcune opere[modifica]

Ave Maris Stella[modifica]

Salve, o stella del mar, fida a noi scorta,
Madre, il cui puro fior mai non fu côlto,
Benedetta del ciel mistica porta.
Tu a l'angiol messaggier chinando il volto,
Eva novella, a noi rendi la spene,
Rendi la pace, che l'antica ha tolto.

In morte del conte Giulio Perticari[modifica]

Quanto di basse voglie
D'ignoranza e d'errori alto la faccia
Tiene, e 'l secol minaccia,
S' allegri e segua a ringraziar fortuna:
Ma dovunque s'accoglie
Dell'antico valor favilla alcuna,
Degno ben è ch'ivi risuoni il pianto.

Una notte di Dante[modifica]

Su pel selvaggio dorso d'Apennino
In quella parte ove di sé fa schermo
Dal torbid'Austro al glorïoso Urbino,
Chi tre miglia affatichi il piè mal fermo
Vede al fin, sotto a bianco scoglio alpestre,
Le vecchie mura nereggiar d'un ermo.

Bibliografia[modifica]

  • Giovanni Marchetti, Ave Maris Stella, in "Rime e prose", vol. II, Napoli, Tipografia di Francesco Saverio Tornese, 1837.
  • Giovanni Marchetti, In morte del conte Giulio Perticari, in "Opere", vol. 3, Bologna, G. Veroli, 1823.
  • Giovanni Marchetti, Una notte di Dante, in "Fiore di classiche poesie italiane", Guigoni, Milano, 1873.

Altri progetti[modifica]