Hafez

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search
Raffigurazione di Hafez da una copia del suo Divān (Canzoniere)

Hāfez, per esteso Khāje Shams o-Dīn Moḥammad Ḥāfeẓ-e Shīrāzī (1315 – 1390), mistico e poeta persiano.

Canzoniere[modifica]

  • Quant'è bella Shiraz, al mondo non ha pari! | Preservala, mio Dio, da tutte le sciagure! | Scorra, scorra per sempre questo ruscello nostro, | che fa, con le sue acque, senza fine la vita. | Fra i sereni abitati e le liete radure | uno zefiro fresco che dell'ambra ha il profumo. | Vieni a Shiraz, tra la sua gente cerca, | così perfetta, grazie celestiali. (274; p. 337)
  • Se menzioni a Shiraz i canditi egiziani | da più dolci bellezze tu sarai svergognato. (274; p. 337)
  • È una cava, Shiraz, di rubini di labbra, miniera, sì, è di bellezza: | sono io, gioielliere fallito, per questo sconvolto. | Tanti occhi ubriachi ho veduto io in questa città | che son ebbro davvero, per quanto non beva ora vino. (329; p. 407)

Bibliografia[modifica]

Altri progetti[modifica]