Harry Sidebottom

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search

Harry Sidebottom (... — vivente), storico e scrittore britannico.

Incipit di alcune opere[modifica]

Il guerriero di Roma. Il re dei re[modifica]

Cavalcavano per portare in salvo le loro vite. Il primo giorno nel deserto avevano galoppato e galoppato, ma sempre senza forzare i cavalli. Erano completamente soli, e non c'era stata traccia di inseguitori. Quella sera, accampati, tra i bisbiglii delle conversazioni stanche, c'era stato un fragile accenno di ottimismo. Che andò in frantumi, irrevocabilmente, al sorgere del sole.

Il guerriero di Roma. Sole bianco[modifica]

Massimo era steso immobile, davanti ai persiani. Erano davanti e dietro di lui, verso il centro del piccolo altipiano dove tre sentieri convergevano. Non erano più distanti di quaranta passi. Riusciva a vederli chiaramente, alla pallida luce della luna, uomini e cavalli erano figure massicce e scure. C'erano ventuno cavalieri sassanidi. Massimo li aveva contati più volte.

Bibliografia[modifica]

  • Harry Sidebottom, Il guerriero di Roma. Il re dei re, traduzione di Susanna Scrivo, Newton Compton, 2010. ISBN 9788854116573
  • Harry Sidebottom, Il guerriero di Roma. Sole bianco, traduzione di Elisabetta Bertozzi, Newton Compton, 2011. ISBN 9788854128156

Altri progetti[modifica]