Hellblazer

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search

Hellblazer, serie a fumetti di autori vari edita dal 1988 al 2013.

Episodio 49[modifica]

  • Il signore delle danze: Tanto tempo fa non esisteva il Natale... Ma quando l'anno stava per chiudersi, e il buio dell'inverno di stendeva pesante sul mondo, e i raccolti non crescevano, e gli animali non dormivano sotto le stelle ma sotto i tetti... si celebrava una festa.
  • Il signore delle danze: Nonostante la terra fosse morta, la gente non lo era. Beveva e cantava e rideva e litigava e sfotteva nella grande sala... Le celebrazioni continuavano a lungo nella notte. Una possente affermazione della luce sul buio e della vita sulla morte.
  • Il signore delle danze: Come vivevano in quei giorni... Facevano tutte queste cose in quella grande notte, mentre lupi e avvoltoi e oscuri essere malvagi giravano affamati.
  • Il signore delle danze: E ballavano.
  • Il signore delle danze: Io sono stato nel mondo sin dalle sue orgini, e non passava giorno senza che scoprissi qualche piacere o intrigo nuovo. Ma nulla mi dava gioia più della gente.
  • Il signore delle danze: Li sentivo, mentre ballavano il loro ballo, mentre urlavano al mondo il loro messaggio... Qualunque cosa capitasse avrebbero sempre avuto due parole per coloro che auguravano loro buona o cattiva sorte:
  • Il signore delle danze: "Sono vivo!"
  • Il signore delle danze: E nelle foreste della notte li sentivo.
  • Il signore delle danze: E andavo da loro e ballavamo insieme.
  • Il signore delle danze e i festeggianti: [Cantando] Io ballavo al mattino al principio del mondo! E ballavo sulla luna e sulle stelle e sul sole! E scesi dal cielo e ballavo sulla terra! E ballavo per le notti di gioia e di baldoria!
  • Il signore delle danze e i festeggianti: [Cantando, forte] Allora ballate, ovunque voi siate! Sono il signore delle danze, diceva! E vi condurrò tutti dovunque voi siate! E vi condurrò nelle danze!
  • John Constantine: Eh... ma non c'era qualcosa su Betlemme nel primo verso?
  • Il signore delle danze: Ti ho detto che è stato cambiato. E non è stato il solo.
  • Il signore delle danze: I monaci pelati arrivarono con il loro unico dio che era trino e loro scorta in armatura e guardarono quello che la gente faceva durante i banchetti...
  • Il signore delle danze: E pochè non c'era nel loro enorme libro, odiarono e condannarono e misero fuorilegge quanto vedevano.
  • Il signore delle danze: Chiamarono questo periodo Natale. L'aspetto di innocenza del loro unico dio era nato, o rinato o che altro, attorno alla fine dell'anno qualche tempo prima... E ora il mondo doveva celebrarlo.
  • Il signore delle danze: Le antiche usanze si persero presto, o furono dirottate e cambiate fino a renderle irriconoscibili. Una volta la gente andava a un'orgia, ora a messa.
  • Il signore delle danze: Mai provato a ubriacarti con il vino della comunione?

Bibliografia[modifica]

  • Garth Ennis, Il signore delle danze. Episodio 49, traduzione di Mauro Neri.

Voci correlate[modifica]

Altri proigetti[modifica]