Margaret St. Clair

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
(Reindirizzamento da I dolori delle streghe)
Jump to navigation Jump to search

Margaret St. Clair (1911 – 1995), scrittrice statunitense. È nota anche con gli pseudonimi di Idris Seabright e Wilton Hazzard.

Incipit di alcune opere[modifica]

I danzatori di Noyo[modifica]

«Ho sentito che la vostra tribù si è procurata un Danzatore» disse lo sceriffo. E c'era una lieve nota pungente nella sua voce.
«Mmm» risposi.
«Non mi sembrate molto soddisfatto, McGregor» disse lui. E la nota pungente si fece più acuta.
«E perché dovrei esserlo?» chiesi. «Significa che saremo obbligati a danzare dieci ore al giorno per mesi, e infine costretti a compiere un viaggio inutile lungo la costa.»
«Un viaggio inutile? Suppongo che alludiate alla ricerca della...» tossicchiò, «della Visione del sacro Graal.»

I dolori delle streghe[modifica]

Chi si cura delle gioie o dei dolori delle streghe? In entrambi i casi esse sono lontane dall'umanità comune. Se le streghe sono felici, è perché hanno ottenuto le loro gioie a prezzo della loro anima. E se soffrono in modi che non possiamo conoscere, quando sono abbandonate dal loro oscuro Signore, il loro dolore non è che la sorte meritata dai malvagi. Eppure sono donne, hanno un cuore di donna.

La famiglia[modifica]

«Forse David la ama davvero», disse Mamma, incerta. «Noi non vorremmo mai che il nostro ragazzo fosse infelice. Non è così?».
Sprofondata nella poltrona che già da tempo aveva ceduto sotto il suo peso, Kate gettò indietro la testa e rise. La luce delle lampade a olio strappò uno scintillio dai suoi lunghi canini a spatola.

Bibliografia[modifica]

  • Margaret St. Clair, I danzatori di Noyo, traduzione di Maria Benedetta De Castiglione, Mondadori, 1985.
  • Margaret St. Clair, I dolori delle streghe, traduzione di Gianni Pilo, in "Storie di streghe", a cura di Gianni Pilo, Newton & Compton, 1996. ISBN 8881834480
  • Margaret St. Clair, La famiglia, traduzione di Gianni Pilo, in "Storie di diavoli", Newton & Compton, 1997.

Altri progetti[modifica]

Opere[modifica]