Vai al contenuto

Ignazio da Laconi

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Sant'Ignazio da Laconi

Sant'Ignazio da Làconi, al secolo Vincenzo Peis (1701 – 1781), frate cappuccino italiano.

Citazioni di Ignazio da Laconi[modifica]

  • Abbiate fiducia in Dio. Prima morire che perdere la fede. Ringrazio Dio d'esser nato da genitori cattolici ed aver da loro imparato le massime della santa fede. Ringrazio Dio che mi ha chiamato alla fede nel santo battesimo e alla religione in quest'Ordine di san Francesco. Vorrei che tutto il mondo fosse cattolico e convertito all'adorazione del vero Dio Creatore e Redentore.[1]

Citazioni su Ignazio da Laconi[modifica]

  • Giunse a Cagliari intorno al 1742 e da allora fino alla morte percorse, bisaccia in spalla, le vie della città: di Cagliari imparò a conoscere le pietre e i volti degli uomini; entrò in tutte le case – in quelle dei poveri e in quelle dei ricchi –, chiedendo pane ed offrendo altro pane, quello del Vangelo, che annunciava in modo semplice ed efficace, soprattutto ai fanciulli ed alla povera gente, che da lui si sentiva accolta ed amata, compresa e difesa. [...] Intorno a quel frate buono, amico dei fanciulli e vicino ai sofferenti, che sapeva scrutare i cuori, che infliggeva al suo corpo una dura penitenza ed aveva ricevuto da Dio il dono dei miracoli e della preveggenza, fiorì presto la leggenda: divenne una parte importante di Cagliari e anche personaggi autorevoli si recarono a chiedere il suo consiglio e la sua intercessione. (Felice Accrocca)
  • Noi vediamo tutti i giorni mendicare attorno per la città un santo vivente [...]. Egli può fare che a lui corrano dietro formaggi interi, quando per inumanità se ne ricusa un pezzo. Se un incettatore di grano gli fa prendere il suo pane come elemosina ne spiccia il sangue; se un motteggiatore gli offre di riempirgli d'olio il suo sacco di tela, egli lo porta a casa senza perderne una goccia; anche le giovani dame nei loro parti imminenti lo supplicano per un felice esito, e la loro fiducia in lui deve essere ben profonda e non sospetta, perché egli è già un uomo canuto e sta con un piede nella tomba. (Joseph Fuos)

Note[modifica]

  1. Citato in Felice Accrocca, Sant'Ignazio da Laconi (1701-1781), fraticappuccini.it.

Altri progetti[modifica]