Al 2019 le opere di un autore italiano morto prima del 1949 sono di pubblico dominio in Italia. PD

Luigi Siciliani

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
(Reindirizzamento da Il Natale in un poeta classico)
Jump to navigation Jump to search

Luigi Siciliani (1881 – 1925), scrittore italiano.

Citazioni di Luigi Siciliani[modifica]

  • E frondeggiano lungo il tortuoso | corso cespugli avvelenati, e in cima | portano un fiore di fiamma, il fiore amaro | che sembra rosa e non odora, e sembra | alloro, ma non cinge alcuna fronte | in premio della sua dura vigilia, | l'oleandro silvestre, il fiore ch'amo, | il rosso fiore dell'aridità. (da L'oleandro)

Incipit di Canti pagani e altre poesie classiche[modifica]

Alla bellezza[modifica]

Chi ti contempla, o splendida Bellezza,
e chi rapito sente alla tua voce
scorrere nelle vene il tuo veloce
fuoco di giovinezza,
se rendere non sa con la parola
un raggio solo della tua gran luce
e alla tristezza il suo pensier conduce
e al lume tuo s'invola,
t'offende, o pura gioia degli sguardi,
o Beatrice di chi intento ascolta:

Vinto[modifica]

O combattuta immagine d'amore,
se, immota dentro me, sempre mi tenti,
forse non è per lei che anela e veglia,
chiusa nel suo silenzio adamantino?
Non è per quel suo nero occhio, che triste
mi cerca e sfugge, ma nel lampo sùbito
rivela come una segreta angoscia
ed una forza che non piega ancora?

Differ quaerelas[modifica]

Tempo da stare vicini concede assai breve a noi il fato,
violenza d'amore breve anche più lo rende.
Dunque con vari lamenti con pianti con lunghe querele
di non turbare io prego l'ora che fugge via.

Morticino[modifica]

Come è triste, bambino, restare tu solo per sempre
dentro una piccola bara sotto la terra ch'è nera;
l'ossa piccine piccine e quelle teneri carni
colorate di rosa disfare per sempre là dentro!

Il Natale in un poeta classico[modifica]

Parla il poeta:
Sono solo! terribilmente solo!
Come pesa quest'aria
grigia e questo cielo
bieco e livido!
Che movimento per le strade! è festa.
Dice una mamma ben vestita a un bimbo
vestito bene, innanzi a una vetrina:
«Vuoi tutti quei giocattoli? Domani».

L'oleandro[modifica]

La campagna ora è tutta arsa. Non soffia
il buon levante o l'umido scirocco
sotto l'azzurro immobile del cielo
sopra le cilestrine onde del mare.

La bontà dei baci[modifica]

Quando tu mi recingi con le molli
braccia, e premi su me col desioso
volto, ignudi il bel collo e il colmo seno,
lenta agli omeri miei abbandonata,
le tue labbra affigendo sulle mie;

Acquaforte[modifica]

Passa una fanciulletta. È svelta e piena:
si sente, nel vederla,
che la sua carne deve essere soda,
buona a palparla, buona per segnarla
con i denti, in un morso lungo, a fondo.

Una riflessione[modifica]

Misero vario gioco di sorte è la vita dell'uomo
tra povertà e ricchezza sempre vagante incerta:
Quelli che giacciono in basso qual palla rimbalzano in alto;
altri, su dalle nubi, sono gettati all'Ade.

Bibliografia[modifica]

Altri progetti[modifica]