Il camaleonte assassino

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search

Il camaleonte assassino

Film TV

Questa voce non contiene l'immagine della fiction televisiva. Per favore aggiungila, se puoi. :)
Titolo originale

The Pretender 2001

Paese Stati Uniti
Anno

2001

Genere Fantascienza
Regia Frederick King Keller
Soggetto Steven Long Mitchell, Craig W. Van Sickle
Sceneggiatura Steven Long Mitchell, Craig W. Van Sickle
Rete televisiva TNT
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Il camaleonte assassino, film per la televisione statunitense del 2001, tratto dalla serie televisiva Jarod il camaleonte.

Frasi[modifica]

  • [Parlando con Ethan del "Camaleonte"] Qualcuno sta giocando con la mia testa. E chi gioca con la mia testa di solito viene da un posto solo... (Jarod)
  • [Lamentandosi con Lyle per la scomparsa del padre] Se vengo a scoprire che è successo qualcosa a nostro padre e tu ne eri al corrente, non ci saranno abbastanza parti del corpo da trapiantare a Blue Cove per rimettere insieme la tua faccia! (Parker)
  • [Minacciando con un'arma Miss Parker e il padre] Io non sono uno psicopatico, sono un sociopatico. C'è una differenza. Uno psicopatico è un malato, non sa distinguere il bene dal male. Un sociopatico conosce la differenza, solo che non ha una coscienza, capisce? E non gliene frega niente. È quella coscienza... che voi mi avete portato via. Quindi spararle in fronte o mangiare una caramella è uguale per me! (Alex)

Dialoghi[modifica]

  • [Degli uomini del Centro stanno guardando immagini di Jarod e parlano di lui]
    Uomo: Il suo nome è Jarod.
    Uomo 2: Chi è esattamente?
    Uomo: È un simulatore. Un genio che può letteralmente diventare chiunque voglia essere. E il Centro vuole riprenderselo.
    Uomo 3: Avrebbero dovuto usare il computer per le simulazioni. Almeno i computer non scappano.
    Uomo: Ma un computer non può leggere un libro di cardiochirurgia la mattina e poi effettuare un bypass perfetto nel pomeriggio. Jarod può. Lui può fare tutto.
  • [Jarod e Ethan, il suo fratellastro, si stanno nascondendo dopo l'esplosione nella metropolitana]
    Jarod: [Svegliandosi dopo un incubo] Non è meglio la tv?
    Ethan: Bentornato fra i vivi, fratello. Come ti senti?
    Jarod: Come se fossi saltato da un treno. Che fai?
    Ethan: [Guardando i DSA] Oh, stavo solo...stavo guardando i dischetti.
    Jarod: Ho fatto una bella vita, eh?
    Ethan: Sì. Il Centro ha praticamente registrato tutto. Perché hanno fatto quegli esperimenti su di te?
    Jarod: Non esperimenti, simulazioni.
    Ethan: Tu sei un simulatore. Puoi diventare chiunque tu voglia essere. Dottore, avvocato...anche un astronauta se vuoi.
    Jarod: Già. Io non so chi sono, però. [Si mangia un pez]
    Ethan: È tua madre? [Prende la cornice di Jarod]
    Jarod: Da quando sono fuggito dal Centro sto cercando lei e qualunque informazione sulla sua vita, non ne so niente... [Sorride teneramente]
    Ethan: Sai, sembra che Miss Parker ti stia sempre alle calcagna, che ti controlli...
    Jarod: La tua sorellastra. Quella donna è un vero capolavoro, gliene do atto.
    Ethan: Vuole riportarti al Centro.
    Jarod: Certe cose non cambiano mai... [Guarda il DSA che mostra Miss Parker con apprensione e ascolta il telegiornale che parla dell'incidente nella metro] Spero che lei ce l'abbia fatta.
  • [Miss Parker e Broots vanno a cercare il Signor Parker a casa sua]
    Broots: Non credo ci sia qualcuno. C'è nessuno?
    Parker: [Notando gli avanzi della cena sul tavolo] A meno che non mangi arrosto e Merlot a colazione, era qui ieri sera.
  • [Miss Parker è preoccupata per la sparizione del padre]
    Parker: Nella mia famiglia tutto è strano. Compresa l'ultima volta che ho visto mio padre, subito dopo che aveva ucciso Raines.
    Broots: L'ultima volta che io ho visto mio padre aveva potato i cespugli a forma di sette nani.
    Parker: Credo che tutte le famiglie siano strane a modo loro.
  • [Miss Parker parla con Lyle della sparizione del padre]
    Lyle: [Parlando con due donne asiatiche] Sembrate molto buone da mangiare!
    Parker: Spiacente di rovinarti il "pranzo", ti devo parlare.
    Lyle: È una conversazione in cui posso intervenire o devo solo ascoltare?
    Parker: Dov'è nostro padre?
    Lyle: Non lo vedo e non lo sento da un paio di giorni.
    Parker: Neanche una telefonata?
    Lyle: Neanche un messaggio dai piccioni viaggiatori, hai dei problemi?
    Parker: Sì, non è a casa e sembra sia stato costretto ad andarsene con la forza.
    Lyle: Non mi allarmerei sulla base di un'ipotesi, data anche la possibilità che nel tuo stato tu abbia male interpretato ciò che hai visto.
    Parker: E in che stato dovrei trovarmi!?
    Lyle: Sappiamo che la tua immaginazione corre incontrollata dopo il "Big Bang".
  • [Lyle chiede a Miss Parker di continuare a inseguire Jarod]
    Lyle: Saputo niente?
    Parker: No?
    Lyle: Neanche dalle tue...voci interiori? [Divertito]
    Parker: Perché non ti ficchi le tue nove dita dove non splende il sole?
  • [Jarod parla con l'agente Zane del killer che stanno cercando]
    Zane: Il nome in codice che gli ha dato l'NSA è "Camaleonte".
    Jarod: Perché "Camaleonte"?
    Zane: Perché il nostro bambino cattivo è un genio che può diventare chiunque voglia essere.
  • [Miss Parker e Sydney guardano gli oggetti di Jarod in una stanza del Centro]
    Parker: Che cosa senti quando vedi tutte le cose a cui Jarod ha lavorato prima di fuggire? I quaderni rossi che descrivono le persone che il nostro contorto Robin Hood ha aiutato, o gli oggetti banali che ha lasciato dietro di sé da quando lo stiamo cercando...Che cosa senti?
    Sydney: Sento un bambino che cerca disperatamente sua madre, l'immensa curiosità di un bambino che fa delle incredibili scoperte...E a volte invece sento...una povera anima che si chiede chi sia veramente. E sento la mia voce...che risuona piena di sensi di colpa perché io ho contribuito al furto della vita di Jarod.
    Parker: [Rassegnata] Credo che questo lo sentiamo tutti...
  • [Zane spiega a Jarod come si sta comportando il "Camaleonte"]
    Zane: Quell'uomo scivola in una pelle diversa ogni volta, recentemente ha giocato allo sceicco arabo, al generale bosniaco, al combattente dell'IRA, oltre ovviamente al pilota russo, ma lui non lascia mai neanche un'impronta dietro di sé. Gli piace giocare, e ora ci troviamo tutti a giocare ad Acchiapparella.
    Jarod: [Stupito] Acchiaparella?
    Zane: Guardie e ladri, Prendimi se ci riesci...il gioco dei bambini a scuola...
    Jarod: Ehm...non lo giocavano dove andavo a scuola io.
  • [Jarod e Ethan chiamano Sydney e Miss Parker]
    Jarod: Qualcuno del "Centro delle Meraviglie" ha manipolato le foto di un documento di identità che era servito per una simulazione di alcuni anni fa.
    Sydney: Fammi controllare l'archivio, t'assicuro che nessuno di noi ha usato la tua immagine.
    Jarod: Beh, qualcuno l'ha fatto, e devo scoprire chi è stato.
    Sydney: Vedrò cosa posso fare, Jarod.
    [Ethan cammina e inizia a sentire le voci]
    Ethan: Doppia "T".
    Jarod: Che cosa hai detto?
    Ethan: Doppia "T". Le voci...la sua voce...continua a dire Doppia "T".
    Parker: [Avvicinandosi allo schermo per parlare con Ethan] "T T". È quello che ho sentito anch'io!
    [Jarod e Ethan guardano la donna sorpresi e felici]
    Ethan: Miss Parker!
    Parker: Ethan!
    Ethan: Sono contento che tu sia viva.
    Parker: Lo sono anch'io per te.
    Jarod: Nessuno muore mai al Centro, non lo sapete?
  • [A fine chiamata, Ethan si rivolge al fratello]
    Ethan: Perché non gli hai detto del Camaleonte?
    Jarod: Perché è ancora presto. Fra un po'...
  • [Jarod e Zane vanno a trovare Eddie in ospedale]
    Zane: [Notando che i due uomini si conoscono già] Devo essermi persa una puntata...
    Eddie: Ehm...l'agente Morse e io siamo vecchi amici.
    Zane: Dal Centro Addestramento dell'Accademia?
    Jarod: Ehm...sì...proprio dal "Centro"...
  • [Miss Parker quasi investe Broots a causa della sua visione che la distrae mentre è alla guida]
    Parker: Stai bene, Broots?
    Broots: Sì...Provo molta più simpatia per le vittime della strada, ma sto bene...
  • [Miss Parker commenta le scoperte di Broots su Tommy Thompson]
    Broots: Non è una coincidenza, vero?
    Parker: Coincidenza non esiste nel dizionario del Centro.
  • [Il "Camaleonte" chiama Jarod da una spiaggia]
    Jarod: Che cosa vuoi?
    Camaleonte: Voglio vedere cosa succede quando uccido qualcuno importante per il tuo mondo!
  • [Sulla spiaggia a Blue Cove, Zane nota che Jarod è a disagio]
    Zane: Jarod, come stai, non hai un bell'aspetto.
    Jarod: [Dando le spalle al Centro che si erge dietro di lui] Non mi sono mai sentito a mio agio in questa parte del mondo...
  • [Lyle trova gli agenti dell'NSA sulla spiaggia davanti Centro, Jarod lo osserva nascosto sulla barca]
    Tracer: Cosa fate voi qui?
    Lyle: Ricerca. Noi siamo come...un serbatoio di idee, cavie da laboratorio. Allora ve ne andrete via presto?
    Tracer: Non ci vorrà ancora molto. [Notando che il pollice di Lyle sanguina] Signor Lyle, il suo pollice sanguina...
    Lyle: Oh...Già...Rubare parti del corpo non è più come una volta! [Divertito]
  • [Miss Parker si incontra col fratello in garage]
    Parker: [Mostrando il pollice in segno di autostop] Ti dispiace darmi un passaggio?
    Lyle: Non adesso, sorellina.
    Parker: Sai che ogni volta che mi chiami "sorellina"...c'è qualcuno che muore o sparisce.
  • [Miss Parker va a salvare Raines dalla sua esecuzione a opera di Lyle]
    Parker: Il resuscitato non sa dove andare.
    Raines: Lasciami in pace! Soffro già abbastanza! [Le mostra il moncherino del pollice mancante]
    Parker: Stammi a sentire, dottor Moreau. Un uccellino mi ha sussurrato all'orecchio che la stagione di caccia si è appena aperta e che tu sei la preda più ambita. Ora questo ti dà esattamente due scelte. O rispondi con chiarezza alle mie domande, e io prenderò in considerazione di salvare la tua patetica carcassa, o ti lascio qui a farti staccare i pezzi come una vecchia Buick in uno sfascia-carrozze. Che cosa vuoi fare, "amico"?
  • [Miss Parker fa di nuovo visita al fratello per sapere di Alex]
    Lyle: Di che diavolo stai parlando?
    Parker: Parlo del redivivo demonio con l'enfisema a cui stai trafugando parti del corpo.
    Lyle: Allora sai che Raines è vivo...
    Parker: Oh, so di più se è per questo. So di Raines, Tommy Thompson e il tuo pazzo, Alex. Ma quello che non so è perché.
    Lyle: È semplice. Sopravvivenza. Alex ha rapito nostro padre. Ha fatto capire che lo ucciderà se non realizzerò ogni suo desiderio.
    Parker: Perché non me l'hai detto?
    Lyle: Nel campo degli psicopatici, Alex è senz'altro il migliore. Stando zitto pensavo di dare più possibilità a nostro padre.
    Parker: Non ti credo. [Gli fa sentire il nastro della telefonata col padre] Papà lo ha chiamato "il tuo pazzo".
    [Miss Parker prende fra le dita il pollice nuovo di Lyle]
    Parker: Ora...Dimmi perché, o restituisco questo al signor Raines.
    Lyle: [Impaurito] Non sei altro che un'isterica paranoica.
    Parker: [Gli stringe il pollice e Lyle si piega in due dal dolore] Non hai idea di quanto!
    Lyle: Va bene, va bene! [Il suo pollice inizia a sanguinare] Dopo la sua tentata fuga, ho portato Alex in Africa. Il Triumvirato l'aveva assegnato a me, un compito impossibile. Ho provato a plasmarlo, ma quell'uomo è troppo pazzo, troppo schizoide per essere plasmabile!
    Parker: Allora vi somigliate come due gocce d'acqua!
    Lyle: Anche Jack lo squartatore avrebbe paura di frequentare quell'uomo!
  • [Miss Parker torna con Ethan a casa del padre, dove trova Sydney]
    Parker: Dov'è Broots?
    Sydney: Brutte notizie su tutti i fronti. Broots non è ancora tornato né ha chiamato. E riguardo a Raines quando sono tornato diverse ore fa era sparito.
    Parker: Probabilmente ha chiamato uno dei suoi lupi mannari perché lo portasse via da qui. Sarà nascosto in un bosco, da qualche parte, fino alla prossima luna piena a leccarsi le ferite!
  • [Jarod ha dovuto per forza arrestare Broots e ora deve inventargli un alibi senza che l'agente Zane si scopra l'identità di entrambi]
    Jarod: Non vuoi parlare? Beh, credo che qualcosa ti abbia spaventato parecchio, o dovrei dire...qualcuno?
    Broots: D'accordo...allora se è così furbo, perché non lo dice lei?
    [Jarod si muove a falcate verso Broots e gli afferra le mani]
    Jarod: Mani come burro, piccoli calli sulle dita che gridano "maniaco del computer". Lo sguardo sfuggente nei suoi occhi dice "drogato di pornografia via internet". E questi vestiti dicono "disoccupato". E quel colorito da cadavere dice "solitario". E questo più chiaro sull'anulare della sua mano sinistra dice che si è tolto la fede recentemente...Sei stato cattivo...Credo che nessuna donna andrebbe a letto con un'ameba come questa! No, questo fallito non ha niente a che fare con l'omicidio.
    Broots: Ha ragione, non sulla parte del fallito, però!
    Zane: Stia zitto! [Rivolta a Jarod] Come l'hai capito?
    Jarod: Tossisci se sbaglio, signor Broots. Il nostro separato, disoccupato, patito del web era sulla scena del delitto perché aveva un appuntamento con una donna che aveva conosciuto su internet. Giocavi a "incontri pomeridiani", signor Broots?
    [Broots annuisce, a disagio]
    Jarod: Fammi indovinare. La tua ragazza virtuale di internet è...alta, gambe lunghe, con una passione per i vestiti di cuoio, unghie affilate e lingua affilata?
    Broots: Di solito...
  • [Jarod e Broots stanno scappando insieme in macchina]
    Broots: Sto per avere una crisi di nervi!
    Jarod: Sta' zitto e fammi pensare!
    Broots: Ah, pensare...sai cosa penso io, che devo andare in una clinica! Non sarebbe da ridere? In quale clinica potrei andare? Appena gli dico la verità sul mio mondo si convincono che sono matto da legare...Dove stiamo andando?
    Jarod: All'Opera.
    Broots: All'Opera? Io detesto l'opera, non ci sono né gelati né pop-corn!
    Jarod: Chiudi quella bocca!
  • [Jarod, ferito a una spalla, insegue Alex dopo aver salvato l'ambasciatrice svedese]
    Jarod: L'ambasciatrice è ancora viva, Alex. Il tuo gioco di Acchiapparella è finito! Sembra che non vincerai questa volta!
    Alex: Devi sapere a che gioco stai giocando, prima che qualcuno possa vincere qualcosa!
    [Alex colpisce Jarod a sorpresa e lo atterra]
    Alex: Mi sorprende come il Centro abbia potuto pensare che io fossi inferiore a te! Tu non hai perfezionato nessuna simulazione: una volta che Mr. Altruismo aveva finito chiamavano me per rettificarle.
  • [Alex chiude Jarod al di là di una grata e gli parla attraverso le sbarre]
    Alex: Adescarti è stato semplice, è il tuo difetto di carattere che lo ha reso facile, sei sempre disposto a rischiare la vita per qualcuno che non importante per il tuo mondo.
    Jarod: [Picchiando i pugni contro la grata] L'ambasciatrice è importante per il mondo!
    Alex: Per il mondo, non per il tuo mondo. L'ambasciatrice svedese non è niente per il tuo mondo. Ma Miss Parker lo è.
    [Jarod guarda Alex furioso attraverso le sbarre]
    Alex: Anzi non hai idea di quanto sia veramente importante per la tua vita.
    [Jarod continua a fissare Alex, scuotendo la testa, preoccupato]
    Alex: E dopo oggi, non lo saprai mai.
  • [Jarod blocca Alex su un ponteggio]
    Jarod: Lascia che ti aiuti.
    Alex: E perché adesso vorresti aiutarmi?
    Jarod: Ho un difetto nel mio carattere, ricordi?
    Alex: No, grazie.
    Jarod: Alex, non deve finire in questo modo!
    Alex: Tu non sai quello che dici, Jarod.
    Jarod: Io so...che c'è sempre una speranza, sempre!
    Alex: Non c'è speranza per me, o per te...Ti rendi conto di quello che mi farebbero se quelli del Centro mi riprendessero? Sai perché ci mettono tanto impegno per riaverti? Perché ti stanno inseguendo già da cinque anni? Non penserai che lo facciano perché sei un simulatore?
    Jarod: Spiegati, non capisco.
    Alex: [Ridacchia] Tu non hai idea di chi sei veramente...
  • [Uno sconsolato Jarod chiama Miss Parker dal suo rifugio]
    Parker: Chi è?
    Jarod: Sono Jarod.
    Parker: Sei fortunato ad essere sicuro almeno di questo.
    Jarod: Hanno trovato il corpo di Alex?
    Parker: No, da quanto ne so, ma lo sai che io non dico sempre la verità.
    Jarod: Beh, mi sembri molto giù dalla voce.
    Parker: Le parole non hanno senso, Jarod, e presto farà molto buio. Per cominciare non so dove sia finito Broots e Ethan è sparito, non so se è andato via o l'hanno preso.
    Jarod: Preso?!
    Parker: Ha iniziato un biglietto che non ha mai finito, ma non ci sono segni di lotta.
    Jarod: E come sta tuo padre?
    Parker: Non è cosciente e ora si trova in terapia intensiva al Centro, sempre che lui sia mio padre. E tutto questo fa sì che mi chieda chi sia io esattamente.
    Jarod: Benvenuta nel club.
    Parker: Dimmi la verità, Jarod. Tu sai chi è veramente mio padre?
    Jarod: Tu sai perché il Centro mi rivuole così disperatamente? È solo perché sono un simulatore? O c'è qualcos'altro?
    Parker: Anche se lo sapessi non potrei dirtelo.
    Jarod: Così ci ritroviamo nello stesso vicolo cieco. Tanti segreti, nessuna risposta.
    [Entrambi ricevono una mail nello stesso momento]
    Jarod: Aspetta.
    [I due aprono la mail: si tratta di una foto che ritrae insieme le loro madri, Catherine e Margaret]
    Parker: Non indovinerai mai cosa ho ricevuto!
    Jarod: Le nostre madri...insieme?
    Parker: Questa è la chiave del segreto più grande.
    Jarod: E il primo che trova la risposta...vince.

Altri progetti[modifica]