James P. Hogan

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search
James P. Hogan alla Worldcon 2005

James Patrick Hogan (1941 – vivente), scrittore britannico.

Incipit di alcune opere[modifica]

Chi c'era prima di noi[modifica]

Leyel Torres, capo della base di osservazione scientifica vicino all'equatore di Iscaris III, finì di leggere l'ultima pagina del rapporto, e si rilassò con un sospiro. Rimase così per un poco a gustare la piacevole sensazione, poi si alzò per andare a versarsi da bere da una delle caraffe poste sul tavolino accanto alla scrivania. La bibita fresca lo ristorò, dissipando la stanchezza che gli si era accumulata addosso in due ore ininterrotte di concentrazione. Non mancava molto ormai, pensò. Ancora due mesi e avrebbero dato l'addio a quello sterile globo roccioso per tornare nel buio nitido, fresco, trapunto da un'infinità di stelle dello spazio che li divideva da casa.

La stella dei giganti[modifica]

All'inizio della quarta decade del ventunesimo secolo, era opinione comune che fosse ora che la razza umana cominciasse a imparare a convivere e che si aprisse una via verso le stelle. Le superpotenze, abbandonata la corsa agli armamenti che le condizionava, e smantellato l'imponente apparato delle forze strategiche, impiegavano i loro miliardi per il trasferimento di tutte le loro cognizioni tecniche alle nazioni del Terzo Mondo. Grazie all'aumento delle ricchezze, al migliorato tenore di vita e alla sicurezza che andavano di pari passo con un genere di esistenza più agiato, la popolazione si normalizzò, e la fame, la povertà e gli altri mali che tradizionalmente avevano afflitto l'umanità sembravano sul punto di sparire per sempre.

Lo scheletro impossibile[modifica]

Si accorse di riprendere conoscenza.
Istintivamente, il suo cervello cercò di ritrarsi, come se grazie a uno sforzo di volontà potesse fermare i secondi che dividevano lo stato d'incertezza da quello della piena coscienza e tornare così nell'oblio senza tempo in cui era ignoto e inconoscibile il dolore di quella spossatezza totale.

Bibliografia[modifica]

  • James P. Hogan, Chi c'era prima di noi, traduzione di Beata della Frattina, Mondadori, 1978.
  • James P. Hogan, La stella dei giganti, traduzione di Beata della Frattina, Mondadori, 1982.
  • James P. Hogan, Lo scheletro impossibile, traduzione di Beata della Frattina, Mondadori, 1978.

Altri progetti[modifica]