Jean Baptiste Massillon

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
ean Baptiste Massillon

Jean Baptiste Massillon (1663 – 1742), religioso e Accademico di Francia.

Predica sulla verità della religione[modifica]

  • O mio Salvatore, autore eterno e consumatore della nostra fede, pigliate voi stesso la difesa della vostra dottrina. Non soffrite che la vostra Croce, la quale vi assoggettò l'universo, sia ancora follia e scandalo a' superbi. Cogl'interiori prodigi della vostra grazia trionfale pur al presente di quella incredulità di cui altra volta già trionfaste coi luminosi portenti della vostra mano; e struggete, con quella splenditissima luce che rischiara le menti più efficacemente d'ogni discorso, qualunque altezza si elevi pur oggi contro la scienza dei misteri.
  • O Dio! non guardate l'oltraggio che le bestemmie dell'empietà fanno alla vostra gloria: guardate solamente e vedete di che sia capace la ragione che voi non più illuminate. Riconoscete ne' mostruosi errori della mente umana tutta la severità della vostra giustizia, all'orch'essa l'abbandona; affinché, quanto più io esporrò chiaramente le bestemmie insensate dell'empio, tanto più divenuto a' vostri occhi un oggetto degno della vostra pietà e delle ricchezze della vostra misericordia.

Citazioni sul testo[modifica]

Io non veggo modo in cui l'oratore potesse più felicemente scusare l'empio, sia a lui medesimo, per acquistarne la confidenza e fargli comprendere in qual abisso è caduto, sia agli occhi di Dio, per attivarvi sopra i tesori della sua misericordia. (Guglielmo Audisio)

[Jean Baptiste Massillon, Predica sulla verità della religione, citato in, Guglielmo Audisio, Lezioni di eloquenza sacra, Giacinto Marietti, Torino 1870]

Altri progetti[modifica]