Joachim Andersen

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search

Joachim Christian Andersen (1996 – vivente), calciatore danese.

Citazioni di Joachim Andersen[modifica]

Il ritratto danese della felicità

Intervista di Fabrizio Salvio, SportWeek, nº 15 (932), 13 aprile 2019, pp. 50-54

  • C'è chi dice che non sono mai stato bambino perché sono cresciuto in fretta: a 17 anni mi sono trasferito in Olanda, al Twente. Li rimasi ospite di una famiglia per sei mesi, il tempo di imparare la lingua, poi andai a stare per conto mio. Però, certo che sono stato bambino. E se devo ricordare la mia infanzia, il pensiero va a me e mio padre che giochiamo a calcio, in casa e fuori.
  • [«Cosa non sappiamo di voi danesi?»] Forse che siamo riservati, ordinati, concreti, umili. Non ci piacciono quelli che si vantano di avere tanti soldi e una bella macchina. Questo nostro modo di essere è figlio della nostra cultura, puritana e calvinista.
  • Per i primi cinque-sei anni ero attaccante. Poi sono arretrato a centrocampo, e poi ancora in difesa. [«Perché lo hai fatto? Non facevi abbastanza gol?»] Invece segnavo, e pure tanto. Però, giocando più dietro, ho tutto il campo davanti, posso vedere lo sviluppo del gioco e sfruttare la mia qualità nei passaggi.

Altri progetti[modifica]