Jona che visse nella balena

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search

Jona che visse nella balena

Questa voce non contiene l'immagine di copertina. Per favore aggiungila, se puoi. :)
Titolo originale

Jona che visse nella balena

Lingua originale inglese
Paese Italia, Francia
Anno 1993
Genere drammatico, biografico, storico
Regia Roberto Faenza
Soggetto tratto dal romanzo Anni d'infanzia di Jona Oberski
Sceneggiatura Roberto Faenza, Hugh Fleetwood e Filippo Ottoni
Produttore Áron Sipos, Dénes Szekeres, Elda Ferri
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani
Note

Jona che visse nella balena, film del 1993, regia di Roberto Faenza.

Incipit[modifica]

Questa canzone[1] a me piace tanto. Quando la suonavano alla radio, la mamma mi chiamava accanto a sé e mi raccontava la storia di Jona che visse nella balena. La mamma diceva che se lui era riuscito a venir fuori dal ventre della balena, allora noi non dovevamo mai avere paura. Anch'io mi chiamo Jona. io sono nato ad Amsterdam, la mamma e papà sono nati in due paesi diversi. A me Amsterdam piace moltissimo con tutti quei canali e le case sospese sull'acqua. Un giorno in città sono arrivati i soldati vestiti di verde. All'inizio non si facevano vedere e giravano per la città dentro automobili grandissimi che facevano un gran chiasso. Un giorno i soldati sono venuti a bussare alla nostra casa e hanno detto che dovevamo andare via. "Quando?" Chiese la mamma. I soldati dissero che sarebbero ritornati per dire quando. Io, la mamma e papà non abbiamo fatto niente di male. Perché dovevamo andare via. Una mattina che il papà era andato al lavoro, a casa nostra tornarono i soldati. Dissero che dovevamo seguirli. (Jona)
Amsterdam 1942 (Testo in sovrimpressione)

Frasi[modifica]

  • Eravamo tanto contenti. Però non capivo perché la mamma e il papà ridevano e intanto piangevano. Io quando rido, rido soltanto. A volte i grandi sono strani. (Jona)
  • Le scarpe a cui dobbiamo tirare fuori il cuoio sono degli adulti andati via. Io e gli altri bambini ci chiedevamo: Ma come fanno gli adulti andare via senza scarpe? Siccome nel campo le domande sono proibite, restiamo sempre senza risposta. (Jona)
  • Tu devi guardare il cielo, tesoro. Ricordati, guarda sempre il cielo. E non odiare mai nessuno. Hai capito? Mai. Prometti? (Anna)

Explicit[modifica]

Jona è oggi uno scienziato. Vive ad Amsterdam. (Testo in sovrimpressione)

Note[modifica]

  1. Jonah who lived in the whale di Ennio Morricone, cantata da Susie Lion.

Altri progetti[modifica]