Laurence Kennedy Shook

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search

Laurence Kennedy Shook conosciuto anche come Laurence K. Shook (1909 – 1993), religioso, scrittore, filosofo, filologo e storico canadese.

Étienne Gilson[modifica]

Incipit[modifica]

Étienne Henry Gilson nacque a mezzogiorno di venerdì 13 giugno 1884. La nascita avvenne nell'appartamento dei genitori, sopra il negozio di tessuti che possedevano in Lamotte-Picquet 25, Paris VII. Étienne era il terzo figlio di Paul Anthelme Gilson e di Caroline juliette Rainaud. La sua nascita fu registrata alla mairie dell'arrondissement il giorno seguente, 14 giugno e, come usava allora, a fare la registrazione fu la levatrice Sophie Girard, una vedova che abitava poco lontano nell'avenue Duquesne, insieme a due altri vicini, Adèle Diquerre, commerciante in vino, e Auguste Roussin, commesso di bar. La madre del bebè infatti era figlia di un oste famoso e non c'è da stupirsi se fra le sue future doti Étienne sarebbe diventato uno squisito intenditore di vini.

Citazioni[modifica]

  • Étienne non amava considerarsi un nordico; preferiva la parlata parigina a quella belga. E neppure ammetteva di avere molto in comune con quelli del sud, che considerava poco colti. (p. 7)
  • Étienne fu sempre innanzi tutto un cattolico, poi, ma con ugual fervore, un francese della terza repubblica. (p. 11)
  • A novant'anni Étienne era ancora in grado di recitare a memoria lunghi brani delle opere greche, latine e francesi che aveva studiato quando era champiste. Vi erano pochi passi importanti dei grandi capolavori della letteratura francese ai quali egli non potesse attingere per la citazione giusta. Tali citazioni le recitava spesso per intero, compiacendosi di pronunciarle bene, con chiarezza e precisione, e senza nascondere l'orgoglio e il piacere che provava nel farlo. (p. 12)
  • I primi contatti che Étienne ebbe con Bergson non furono né molto personali né molto calorosi, ma dal punto di vista intellettuale furono importantissimi. Étienne dirà che il corso di Bergson fu «l'avvenimento culminante della mia vita».In Bergson incontrò per la prima volta un autentico filosofo nell'atto stesso di filosofare. (p. 25)

Bibliografia[modifica]

  • Laurence K. Shook, Étienne Gilson, introduzione di Inos Biffi, traduzione di Maria Stefania Rossi, Editoriale Jaca Book, Milano 1991. ISBN 88-16-40290-3