Le storie

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search

Le storie

Fumetto

Immagine Simple Comic.png
Titolo originale

Le storie

Lingua originale italiano
Paese Italia
Genere Fantascienza, Fantasy, Avventura, Storia, Western, Horror
Autore Vari
Editore Sergio Bonelli Editore
Pubblicazione 2013 - in corso

Le storie, serie a fumetti ideata da Mauro Marcheselli.

Albo 1, Il boia di Parigi, 2012[modifica]

  • Avvocato Danton: Sai, Henri? Un pò ti invidio. Tu hai tutto quello di cui hai bisogno. Hai la tua ghigliottina, i tuoi condannati, il tuo piccolo segreto nel sottoscala... danzi con la morte ogni giorno... senza dubbi o sospetti, perché la morte non mente e non tradisce, giusto?
    Charles-Henri Sanson: Giusto.
    Avvocato Danton: E se dovesse toccare a te, di salire sul patibolo, una volta caduta la monarchia? Il popolo non ti ama, lo sai.
    Charles-Henri Sanson: Lo so. Ma se mi lasciassero preparare la ghigliottina, ben oliata e lucidata... morire sotto la sua lama sarebbe un onore.
  • La Rivoluzione... non fanno che parlarne tutti. Dicono che ogni cosa cambierà. Come se un qualsiasi cambiamento su questa terra avesse valore. Come se il vero cambiamento non fosse uno e uno soltanto. (Charles-Henri Sanson, il Boia)
  • La dignità di un uomo va preservata da questo assurdo circo. Uno spettacolo disgustoso, incivile. Inutile. Ma si, temetemi, temetemi comunque, temetemi sempre. Non è la morte a farvi paura, piccoli uomini ottusi, sono io. Sanson, il Boia. (Charles-Henri Sanson, il Boia)
  • La morte è la sola certezza che abbiamo, l'unica cosa che ci appartiene davvero, e che ci rende tutti uguali. (Charles-Henri Sanson, il Boia)

Albo 2, La redenzione del Samurai, 2012[modifica]

  • Anche i corvi sono belli, nel mattino di neve... (Tetsuo Kogawa)

Albo 14, Cuore di lupo, 2013[modifica]

  • Il denaro serve per comprare cose, ma l'aria, l'acqua, la terra, le foreste e gli animali sono doni del Grande Spirito e non sono in vendita... (Malakawe)
  • Se proprio vuoi saperlo penso che gli uomini, tutti gli uomini, alla fine, siano un solo popolo... (Malakawe)
  • Perdonatemi, figli miei... perdonatemi... non sono stato un buon padre, lo so... vostra madre non deve pagare per le mie colpe... tornate da lei, Tankee... lei non può vivere sapendovi lontani e in collera con me... andate da lei in pace... (Grosso Cane)
  • Ragazzo indiano: Tu sei Jeff Cardiff, ti ho visto con i polizziotti in televisione... sei stato in gamba, per essere un bianco... è vero cha hai ucciso un orso?
    Jeff Cardiff: Si. Ma Jeff Cardiff è il mio nome per i bianchi... il mio vero nome è Cuore di Lupo... e sono vostro fratello. (Jeff Cardiff)

Albo 15, I fiori del massacro, 2013[modifica]

  • Quando scoppia un temporale, si può spiccare una gran corsa per cercare riparo... ma alla fine, ci si bagna lo stesso! Se invece, fin dall'inizio, si è disposti a bagnarsi, non ci si sentirà sconfitti quando questo avverà. (Ichi, il viadante cieco)
  • Sono rimasta sola, come una ninfea strappata alle sue radici e portata via dal fiume. (Jun Nagaiama)
  • Il tetto della mia casa è bruciato... ora posso vedere la luna. (Jun Nagaiama)
  • Io ti conosco... tu sei Ichi! Quando ero bambina, mio padre mi racontava delle storie a proposito di un viadante cieco... che, armato solo di un bastone dalla lama celata, portava giustizia ovunque andasse! (Jun Nagaiama)
  • Se è la vendetta quella che cerchi... sei esattamente dove devi essere... (Ichi, il viadante cieco)
  • Lady Mochizuki: Questo è il giardino della mia casa... qui io coltivo i miei fiori, bellissimi e terribili!
    Jun Nagaiama: N-Non riesco a vederli.
    Lady Mochizuki: Si mostrano solo quando lo desiderano... ma tu, sentiti libera di cercarli.
  • Lady Mochizuki: Ti diletti a scrivere poesie...
    Jun Nagaiama: S-Si...
    Lady Mochizuki: Non lo fare più! D'ora in poi... tu devi diventare poesia. Le tue parole e i tuoi gesti... devono essere la stessa cosa. Nella tua mente, nemmeno un pensiero che non sia azione.
  • Il debole sarà sempre schiavo del forte... e tu sarai la mia serva fino a quando non avrai la forza di opporti a me. (Lady Mochizuki)
  • Ichi, il viadante cieco: Sembra che tu sia riuscita a portare a compimento la tua vendetta... e anche molto di più! Dopo aver ucciso il Daimyo, saresti potuta fuggire dal castello senza essere vista... non c'era bisogno di fare un massacro.
    Jun Nagaiama: È vero... ma cammino nel Meifumado, la via della morte in vita, il sentiero dell'inferno. Cos'altro potevi aspettarti da me, vecchio?
    Ichi, il viadante cieco: Qualcosa di meglio.
    Jun Nagaiama: E allora prenditela con te stesso... forse avresti fatto meglio a lasciarmi affogare nel fiume, quel giorno!
    Ichi, il viadante cieco: Non mi pento di quello che ho fatto... ma quella lama è al servizio della giustizia. E la rivoglio indietro.
    Jun Nagaiama: È davvero una bellissima arma... forse la merito più di te.
    Ichi, il viadante cieco: Vuoi scoprirlo?
    [I due si fissano negli occhi alcuni istanti, dopodiché Jun Nagaiama consegna l'arma a Ichi]
  • Lady Mochizuki: Sei tornata per prendere posto tra i miei fiori?
    Jun Nagaiama: Sono venuta qui per coltivarli.

Altri progetti[modifica]