Luigi Castellazzo

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search

Luigi Castellazzo (1826 – 1890), patriota, scrittore e politico italiano.

Citazioni di Luigi Castellazzo[modifica]

  • Io non fui mai tanto fidente e animato. Dal momento in cui mi balenommi la cara speranza di esser con voi alla guerra gigantesca [la Spedizione dei Mille] che si è iniziata testè io conto le ore e i minuti e mi paion secoli tutti i momenti di aspettazione.[1]
  • Sì mio amico, tu nell'ultima tua mi scrivesti ch'io doveva rimanermi al Reggimento. Qual dolore ciò mi arrecasse tu non puoi crederlo. Dunque io era proprio del tutto da voi respinto. Dunque mi si contendeva anche il bene di poter morire per l'Italia e la libertà.[1]
  • Se non mi volete Ufficiale prendetemi soldato, l'ultimo dei soldati ma lasciatemi venire con voi.[1]

Note[modifica]

  1. a b c Da una lettera ad Achille Sacchi, 4 giugno 1860; citato in Dopo Belfiore. Le memorie di Attilio Mori e di Monsignor Luigi Martini (edizione di Albany Rezzaghi) e altri documenti inediti, a cura di Costantino Cipolla, FrancoAngeli, Milano, 2010, p. 174.

Altri progetti[modifica]