Marc Chagall

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Marc Chagall

Marc Chagall, vero nome Moishe Segal (1887 – 1985), pittore russo naturalizzato francese.

Citazioni di Marc Chagall[modifica]

  • I pittori per secoli hanno intinto il loro pennello in quell'alfabeto colorato che era la Bibbia.[1]
  • [A proposito di Esenin] Gridava anche lui, ebbro di Dio, non di vino. Con le lacrime agli occhi, sferrava pugni non sul tavolo ma sul proprio petto, e sputava non sull'altrui, ma sulla propria faccia.[2]

In Marc Chagall, poeta-pittore della memoria[modifica]

  • [La Bibbia] [...] la più grande fonte di poesia di tutti i tempi [...].[3]
  • [La Bibbia] [...] una risonanza della natura e dei suoi segreti [...].[3]
  • Io sono un mistico, io non vado in chiesa o in sinagoga. Per me lavorare è pregare.[3]
  • Vado in brandelli, in fiamme | Gli ultimi chiarori dei miei anni | Ciò che dipingo mi diventa un sogno | Cammino e mi perdo, io mi perdo || Non cercatemi oggi né domani | Sono partito e da me lontanissimo | Io sono in una | Tomba inimmaginabile di lacrime (da La città (1930-1035), p. 68)
  • Io sono un tuo figlio inetto | Che sulla terra appena cammina | Tu hai colmato le mie mani povere | Di splendidi colori e di pennelli | Ma ora io non so come dipingerti (da Tu mi hai colmato le mani (1940-1045), p. 70)
  • Il mio sogno è la scala di Giacobbe | Vedi come io porto la mia croce | Il quadro lungamente faticato | Canta e piange fra il cielo e la terra (da Sulla scala di Giacobbe (1968), p. 75)

Note[modifica]

  1. Citato in Benedetto XVI, Udienza Generale, 18 novembre 2009.
  2. Citato in Casoli Giovanni, Novecento letterario italiano ed europeo. Autori e testi scelti. Vol. 2: Dalla seconda guerra mondiale alla fine del secolo. Appendice sul cinema, Città Nuova, 2002.
  3. a b c Citato nell'introduzione di Valentina Giuliani a Marc Chagall, poeta-pittore della memoria, in Poesia, anno IX, marzo 1996, n. 93, Crocetti Editore, Milano, p. 66.

Bibliografia[modifica]

  • Marc Chagall, poeta-pittore della memoria, traduzione di Plinio Acquabuona in Poesia, anno IX, marzo 1996, n. 93, Crocetti Editore, Milano, pp. 65-75.

Altri progetti[modifica]