Maria Majocchi

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search
Maria Majocchi

Maria Majocchi Plattis, detta anche Jolanda o più raramente Viola d'Alba e Margheritina di Cento (1864 – 1917), scrittrice e giornalista italiana.

Incipit di alcune opere[modifica]

Alle soglie d'eternità[modifica]

Questa volta non s'ingannava. Lo udì parlare al domestico nella stanza vicina. Gettò il giornale di mode e balzò, dando una strappata al vestito per liberarne il lembo su cui il suo piccolo terrier stava accovacciato.

Il libro dei miraggi[modifica]

Clotilde entrò un poco sbadatamente, cantando, nel salotto terreno della villetta dove accanto alla nonna che raccomodava il bucato, suo fratello declamava con molto fervore, leggendo. C'era anche il loro vicino, l'avvocato Dardanelli.

Prato fiorito[modifica]

– Signorine, avvertì la maestra che sorvegliava la ricreazione delle alunne – viene la signora direttrice!
Le fanciulle, sparse a gruppi sulla spianata dinanzi al fabbricato dell'antica abbazia che serviva da residenza estiva del collegio, si raccolsero premurose alla porta principale d'ingresso sulla quale era già apparsa l'alta figura femminile vestita di nero dal volto austero e dolce che così grande potere spirituale esercitava sulle convittrici.

Superba e bella[modifica]

Erano passati dodici anni da quella sera, eppure la ricordava coi più minuti particolari. La mamma non finiva di ribaciarla e di stringersela al cuore con passione, mentre gli occhi le si riempivano di lagrime.

Bibliografia[modifica]

Altri progetti[modifica]