Marija Zacharova

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search
Marija Zacharova nel 2017

Marija Vladimirovna Zacharova (1975 – vivente), politica, funzionaria e giornalista russa.

Citazioni di Marija Zacharova[modifica]

TriangleArrow-Right.svg Citazioni in ordine temporale.

  • Dopo aver provocato un'escalation della crisi ucraina e scatenato un violento confronto ibrido con la Russia, Washington e i suoi alleati stanno pericolosamente barcollando sull'orlo di uno scontro militare aperto con il nostro Paese, il che significa un conflitto armato diretto tra potenze nucleari. Chiaramente, tale scontro rischierebbe di provocare un'escalation nucleare.[1]
  • Quando molti mentono e vivono nel mondo surreale delle proprie dolorose illusioni, iniziano il disturbo del linguaggio e le difficoltà di lingua. È quello che vediamo con i funzionari americani. [...] Confronto i loro pietosi sforzi oratori con l'ispirazione e la luce interiore di Martin Luther King. In America c’è il degrado.[2]
  • Washington sta portando destabilizzazione nel mondo. Non ha risolto un singolo conflitto negli scorsi decenni, ma ne ha provocati molti.[3]
  • Il ministro Roberto Cingolani ha presentato il suo piano per ridurre la dipendenza dell'economia italiana dagli idrocarburi russi. È chiaro che questo piano è imposto a Roma da Bruxelles (che, a sua volta, agisce su ordine di Washington), ma alla fine è il popolo italiano che dovrà soffrire. [...] E quando la laboriosa azienda italiana crollerà, verrà acquistata a basso costo dagli americani. Come è sempre stato. E non contate sugli investitori cinesi: dopo gli insulti inflitti dall'Occidente, Pechino non pagherà i conti degli altri.[4]
  • Il Parlamento europeo ha approvato una risoluzione che riconosce la Russia come "sponsor del terrorismo". Propongo che il Parlamento europeo sia riconosciuto come sponsor dell'idiozia.
Европарламент принял резолюцию о признании России "спонсором терроризма". Предлагаю признать Европарламент спонсором идиотизма.[5]

Note[modifica]

Altri progetti[modifica]