Mathias Énard

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search
Mathias Énard, 2017

Mathias Énard (1972 – vivente), scrittore e traduttore francese.

Incipit di alcune opere[modifica]

Parlami di battaglie, di re e di elefanti[modifica]

La notte non comunica con il giorno. Ci brucia dentro. All'alba la portano al rogo. Insieme con le sue creature, i bevitori, i poeti, gli amanti. Siamo un popolo di confinati, di condannati a morte. Non ti conosco. Conosco il tuo amico turco; è uno dei nostri. Sparisce pian piano dal mondo, inghiottito dall'ombra e dai suoi miraggi: siamo fratelli. Non so quale dolore o quale piacere l'abbia spinto verso di noi, verso la polvere di stelle, forse l'oppio, forse il vino, forse l'amore; forse qualche oscura ferita dell'anima celata fra le pieghe della memoria.

Via dei ladri[modifica]

Gli uomini sono cani, si strusciano fra loro nella miseria, si rotolano nella sporcizia e non sanno come uscirne, passano le giornate stesi nella polvere a leccarsi il pelo e il sesso, pronti a tutto per il pezzo di carne o l'osso marcio che qualcuno vorrà gettargli, e io sono come loro un essere umano quindi un rifiuto immondo schiavo degli istinti, un cane, un cane che morde quando ha paura e cerca le carezze.

Zona[modifica]

tutto è più difficile nell’età adulta, tutto suona più falso un po' metallico come il rumore di due armi di bronzo una contro l'altra ci rimandano a noi stessi senza lasciarci uscire da niente è una bella prigione, viaggiamo con molte cose, un bambino che non abbiamo tenuto una piccola stella in cristallo di Boemia un talismano vicino alle nevi che guardiamo sciogliersi

Bibliografia[modifica]

  • Mathias Énard, Parlami di battaglie, di re e di elefanti, traduzione di Yasmina Melaouah, Rizzoli, 2013. ISBN 9788817063579
  • Mathias Énard, Via dei ladri, traduzione di Yasmina Melaouah, Rizzoli, 2018. ISBN 9788817102667
  • Mathias Énard, Zona, traduzione di Yasmina Melaouah, Rizzoli, 2012. ISBN 9788817074407

Altri progetti[modifica]