Maurice Merleau-Ponty

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search
Maurice Merleau-Ponty

Maurice Merleau-Ponty (1908 – 1961), filosofo francese.

Citazioni di Maurice Merleau-Ponty[modifica]

  • Forse Sartre è scandaloso come lo è stato Gide: perché mette il valore dell'uomo nella sua imperfezione. "Non amo l'uomo", diceva Gide, "amo quel che lo divora". La libertà di Sartre divora l'uomo come entità costituita.[1]
  • In una situazione mondiale tesa [...] è artificiale – e artificioso – agire come se i problemi si presentassero ad uno ad uno, e dissolvere in una serie di problemi locali ciò che storicamente è un insieme. Se si vuole la coesistenza, non si può pretendere che il mondo capitalista metta nel conto dei "movimenti sociali" ciò che, di fatto, è anche un'occupazione militare; [...].[2]
  • L'uomo è nel mondo, e solo nel mondo conosce se stesso.[3]
  • La distinzione tanto frequente di psichico e somatico trova luogo in patologia, ma non può servire alla conoscenza dell'uomo normale, cioè dell'uomo integrato, perché per esso i processi somatici non si svolgono isolatamente ma sono inseriti in un raggio di azione più ampio.[4]
  • Riflettere autenticamente significa darsi a se stesso, non come una soggettività oziosa e recondita, ma come ciò che si identifica con la mia presenza al mondo e agli altri come io la realizzo adesso. Io sono come mi vedo, un campo intersoggettivo, non malgrado il mio corpo e la mia storia, ma perché io sono questo corpo e questa situazione storica per mezzo di essi.[5]

Citazioni su Maurice Merleau-Ponty[modifica]

  • Tu usi la filosofia come alibi per abdicare all'impegno" Mio caro Merleau, [...] Tu hai criticato la mia posizione direttamente e indirettamente, sia conversando con me che pubblicamente. Io, da parte mia, mi sono limitato a difendermi. Come se la tua posizione fosse giusta, ed io invece dovessi giustificarmi di non condividerla. Perché l'ho fatto? Perché sono così: detesto mettere sotto accusa, foss'anche per difendermi, le persone che amo. (Jean-Paul Sartre)

Note[modifica]

  1. Da Senso e non senso, Il Saggiatore.
  2. Citato in Merleau Ponty e Le lettere del divorzio, Corriere della Sera, 28 gennaio 1997.
  3. Citato in AA.VV., Il libro della filosofia, traduzione di Daniele Ballarini e Anna Carbone, Gribaudo, 2018, p. 275. ISBN 9788858014165
  4. Da La struttura del comportamento, Bompiani, Milano, 1963, p. 292.
  5. Da Phénomenologie de la perception, Gallimard, Paris, 1945, p. 515.

Altri progetti[modifica]