Al 2019 le opere di un autore italiano morto prima del 1949 sono di pubblico dominio in Italia. PD

Meo de' Tolomei

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
(Reindirizzamento da Meo dei Tolomei)
Jump to navigation Jump to search

Meo de' Tolomei (1260 circa – 1310 circa), scrittore e poeta italiano.

Incipit di alcune opere[modifica]

Rime[modifica]

I' son sì magro, che quasi traluco[modifica]

I' son sì magro, che quasi traluco,
de la persona, ma più de l'avere;[1]
amico né parente ho, che vedere
mi voglia, sol per ch'or non vesto il luco

Mie madre disse l'altrier parol'una[modifica]

Mie madre disse l'altrier parol'una
la qual mi piacque a dismisura molto:
che s'ella m'ha di mio argento tolto,
di farmene ragion tiell'una pruna.

Su lo letto mi stava l'altra sera[modifica]

 Su lo letto mi stava l'altra sera
e facea dritta vista di dormire:
ed i vidi mia madr'a me venire
empiosamente, con malvagia cèra.

Quando 'l Zeppa entra 'n santo, usa di dire[modifica]

Quando 'l Zeppa entra 'n santo, usa di dire:
— Die sì vi dea 'l buon dì, domine Deo!
e sì si segna, che quasi morire
fa ciascuno, che vede l'atto seo.

Boccon in terr'a piè l'uscio di Pina[modifica]

Boccon in terr'a piè l'uscio di Pina,
dipo le tre trovai Min Zeppa stare;
ed i' mi stett'e comincia' ascoltare,
e seria stato infine a la mattina

Per cotanto ferruzzo, Zeppa, dimi[modifica]

— Per cotanto ferruzzo, Zeppa dimi
se ti facesse fuggir ogne cria.
— I' ti rispondo e dicoti che sì mi;
fu ben perfetta la risposta mia?

El fuggir di Min Zeppa, quando sente[modifica]

El fuggir di Min Zeppa, quando sente
i nimici, si passa ogni volare;
e Pier Faste', che venne d'oltre mare
in una notte 'n Siena, fe' nïente
a rispetto di lui, che veramente
il su' fuggir si può dir millantare.

Se tutta l'otrïaca d'oltre mare[modifica]

Se tutta l'otrïaca d'oltre mare,
e quant'ha in Genova di vernaccino
fosser raunate nel corpo di Mino,
il qual si solea far Zeppa chiamare

Per Die, Min Zeppa, or son gionte le tue[modifica]

Per Die, Min Zeppa, or son gionte le tue;
or ti difendi, se sai, d'esto motto:
che ti fu dato d'un matton biscotto
nel capo, ch'e' ne seria mort'un bue

Se 'l capo a Min Zeppa fosse tagliato[modifica]

Se 'l capo a Min Zeppa fosse tagliato,
come del giuoco d' Uvil n'afferria,
ché 'l capo da lo 'mbusto partiria,
e può ritorniere' nel primo stato

Mia madre m'ha 'ngannat'e Ciampolino[modifica]

Mia madre m'ha 'ngannat'e Ciampolino
non s'ha dtenute le man a centura:
ch'e' mi soleva dir com' gran ventura
si contirie morir me a 'ssessino

Da te parto 'l mie core, Ciampolino[modifica]

Da te parto 'l mie core, Ciampolino,
e se no' fummo giamma' dritt'amici,
ora sarem mortalmente nemici,
per che del mie mi nieghi più che Mino

Io feci di me stesso un Ciampolino[modifica]

Io feci di me stesso un Ciampolino,
credendomi da lui esser amato;
ed eravam, di du', un dal meo lato
e dal su' Pier e Giovanni e Martino

Se tu se' pro' e forte, Ciampolino[modifica]

Se tu se' pro' e forte, Ciampolino,
ora m'avveggio che bisogno n' hai,
ch' i' veggio venir Tes', e tu 'l vedrai,
se tu pon' mente ver' San Pellegrino.

Sì se' condott'al verde, Ciampolino[modifica]

Sì se' condott'al verde, Ciampolino,
che già del candellier hai ars'un poco;
a mal tuo grado rimarrai del gioco,
poi t'han condotto sì i dadi del mino.

Caro mi costa la malinconia[modifica]

Caro mi costa la malinconia,
ché per fuggirla, son renduto a fare
l'arte disgraziata de l'usurare,
la qual consuma la persona mia.

Le gioi' ch'i' t'ho recate da Veneza[modifica]

– Le gioi' ch'i' t'ho recate da Veneza,
prendi, Ghinuccia, può ch'aprir non vuo'mi.
– Sappi, Meo, che da me a te ha screza,
sì che tu non vedrai come tu suo'mi.

A nulla guisa me posso soffrire[modifica]

A nulla guisa me posso soffrire
ch'ëo non comenze a dire
de Min Zeppa ciò che men par sentire:
come se crede en gran pregio venire
per lo solo scremire,
e 'n una dass'al fuggire
quando vede apparire
li nemici; già retro non se mira.

Note[modifica]

  1. I primi due versi sono identici a quelli di un sonetto di Cecco Angiolieri: Rime, LXXIII. Cfr. AA.VV., Poesia comica del medioevo italiano, a cura di Marco Berisso, Bur, p. 212. ISBN 8858631161

Bibliografia[modifica]

  • Meo de' Tolomei, Rime, in "Poeti giocosi del tempo di Dante", a cura di Mario Marti, Rizzoli, Milano, 1956.

Altri progetti[modifica]