Michelangelo Guidi

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search

Michelangelo Guidi (1886 – 1946), islamista e arabista italiano.

Caratteri della cultura araba[modifica]

  • Un primo sicuro elemento che si impone subito alla attenzione, quale esigenza sempre presente in ogni prodotto culturale arabo è la costante cura della forma, la ricerca dell'espressione letteraria, secondo uno stile puramente arabo che risale alla tradizione antica preislamica e al Corano. Nessuna forza riesce attraverso i secoli a vincere tale stile: esso resta quale segno vivo della tenacia con cui l'arabismo ha mantenuto fede alle sue origini. (p. 7)
  • Va messo [...] in speciale rilievo, un altro carattere ancora [della cultura araba]: l'universalità. La religione musulmana dopo aver abbattuto con Maometto la barriera tra le tribù arabe divise dal rigido sistema della solidarietà tribalizia, dopo aver così riunito tutti gli Arabi nella comune cittadinanza del Regno di Dio in terra, trascende anche la nazione, e chiama a sé, divenuta teocrazia, tutti i popoli. Poi la conquista fulminea che condusse le armi arabe vittoriose dalla Spagna all'India, diede a questa unione di popoli un vastissimo impero universale, che, per alcuni rispetti, può paragonarsi con il romano, tutto unito, come il romano dalla lingua latina, dall'arabo e dalla sua letteratura. (p. 8)
  • La profonda natura monoteistica e trascendente che diviene tipica di tutta la religiosità musulmana, ha certo la sua base nel giudaesimo e nel cristianesimo, ma è Maometto che le ha dato per i Musulmani, tutto il rilievo. Così l'assoluta signoria di Dio, la dipendenza dell'uomo separato dal Signore dall'abisso che solo la sua misericordia sa valicare, è concezione che Maometto ha più specialmente promosso; e Islām, la parola poi destinata a riassumere tutta la vita nuova degli arabi, appare già nel Corano e vuol dire il completo abbandono, la dedizione alla volontà superiore dell'Eterno; e da questa dedizione stata già sentimento vivo ed operante nel fondatore, nasce anche il fatalismo, forza potente nelle conquiste, ma anche mortificatore di energie. (pp. 12-13)

Bibliografia[modifica]

  • Michelangelo Guidi, Caratteri della cultura araba, in Caratteri e modi della cultura araba, vol. II, Reale Accademia d'Italia, Roma, 1943, pp. 5-24.

Altri progetti[modifica]